La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« La nuova legge sulle intercettazioni | Principale | I ragazzi mi hanno fatto cambiar idea: sono su Face Book »

22/04/2010

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Mi auguro che la sinistra sappia fare la sua parte e non continui a cazzeggiare. Forse questo governo andrà avanti ancora per qualche mese, ma non credo durerà ancora a lungo.

Alcune mini-riflessioni:
- per Silvio Berlusconi dev'essere stato uno shock personale davvero duro, farsi trattare in quel modo in pubblico,
- mi fa specie che un momento così forte (anche dal punto di vista spettacolare) di rottura con Berlusconi, questa scena che resterà nell'immaginario l'abbia fatta uno di destra come Fini e non qualcuno di sinistra,
- è davvero allucinante che in questi giorni l'oppositore di Berlusconi sembri Gianfranco Fini e non il centrosinistracentro,
- non oso pensare a cosa stanno tramando Dalemassimo e la genia come lui,
- se si dovesse andare alle elezioni anticipate, mi sa che ci facciamo beccare in contropiede come le squadre di sprovveduti pollastri.

"- mi fa specie che un momento così forte (anche dal punto di vista spettacolare) di rottura con Berlusconi, questa scena che resterà nell'immaginario l'abbia fatta uno di destra come Fini e non qualcuno di sinistra,"

Nessuno della sinistra italiana in questo momento avrebbe le palle per fare quello che ha fatto Gianfranco Fini.

Beh, io sì.
E mi sa anche qualche altra milionata di "normali" cittadini.
E non solo da ieri.

secondo me qui le palle non c'entrano proprio niente.
la sinistra non aveva niente a che fare con questa vicenda e giustamente è da una parte a guardare.
ma se pensiamo che fini abbia dato uno schiaffo a berlusconi siamo completamente fuori strada.
qui l'unico schiaffeggiato è proprio gianfranco fini.
basterebbe guardarsi indietro e non accontentarsi di una sceneggiata mediatica.
fini era già molto debole all'interno di an dove i colonnelli lo digerivano poco e male e dove l'estrema destra di storace, santanchè e mussolini se n'era andata.
diversamente, berlusconi non avrebbe potuto fare il partito del predellino e annettersi an.
solo fini e qualche suo amico potevano pensare che il pdl fosse una fusione di due partiti e non una annessione di an a forza italia.
e qui sta una delle tante cazzate che contraddistinguono la carriera politica di fini.
ma berlusca non si è accontentato. ha nominato tre coordinatori di cui due erano suoi schiavi e il terzo (larussa) se l'era appena comprato.
ha messo fini a presidente della camera per toglierlo dalla politica, copiando la mossa di prodi con bertinotti, e, dall'estate scorsa, ha cominciato la campagna contro fini usando le armi più scorrette (feltri).
a questo punto a fini mancava solo un disegno per capire di essere stato tagliato fuori definitivamente. finalmente ha aperto gli occhi e ha fatto l'unico gesto disperato che gli rimaneva da fare.
ma, siccome le palle non le ha, invece di andarsene dal partito, forse perchè consapevole che ormai i suoi berlusconi se li era comprati quasi tutti, si è inventato la corrente di minoranza.
se questa è una vittoria politica...
adesso bisogna stare a vedere se questa manovra per togliersi di mezzo l'unico antagonista alla leadership sarà per berlusconi una strategia vincente o una waterloo.
spero la seconda che ho detto.


Luciano, mica parlavo dei cittadini! Parlavo dei politici!

Lo so, Offender. E mi par di ricordare che uno scambio simile l'abbiamo già avuto mesi fa.
Su Fini, penso che lui abbia voluto fare il passettin passettin passettino, evitando rotture e piano piano costruendosi (o provandoci) una credibilità da aspirante "statista" serio ed europeo, da destra decente, cosa che in Italia manca più o meno dall'epoca di Giolitti.
Adesso vedremo cosa succederà.

Berlusconi non poteva mica rompere con la Sinistra ?
.
E' stato un momento forte
PROPRIO
perchè c'era Fini
.

Stiamo a vedere.
La cosa che più mi ha impressionato ieri, ascoltando tutto (sono masochista;-)) su radioradicale, è stato l'incipit di Berlscn: come un capoclasse o una madre superiora, continuava a invitare o ordinare a tutti di star seduti composti, di non fare capannelli, di fargli fare bella figura con le telecamere, di non lasciare poltrone vuote nelle prime file, di stare zitti ecc. Ma non scherzoso: proprio sul serio. E tutti quei leccaioli si adeguavano, come cagnetti ammaestrati.
È così che vedrebbe lui anche il parlamento: come un'auletta dell'asilo.

Se si fanno le elezioni noi non ce la faremo, così come stanno ora le cose.
Mi ha scoraggiato vedere come i commenti dei nostri (PD, intendo, i dirigenti)siano stati insulsi: anziché riprendere almeno uno o due dei temi posti da Fini (l'istruzione, per esempio, o le province, la questione della Lega e degli immigrati) chiarendo la nostra posizione, aggiungendo, dicendo "cose", si sono limitati a dire: "Ecco, vedete, stanno litigando..." Proprio come se il Paese i suoi problemi gravissimi, e noi cittadini non ci fossimo; come se la Repubblica non fosse sul punto di essere sfasciata, la democrazia a rischio di andare a farsi friggere, e tutta la questione politica si riducesse alle faide e agli scontri tra i "maggiorenti" - tra di loro, insomma: tra e dentro i vertici dei partiti.

Non so se Fini abbia o no le palle - e in verità non capisco che tipo di giudizio possa essere questo che esalta come un grandissimo pregio la presenza delle palle (sarebbe ora di finirla con questa espressione). Quello che credo è che comunque ha smosso qualcosa, ha fatto vedere che il monarca può essere criticato. Dati i tempi, questo ha un valore simbolico non da poco.
D'altra parte si è anche visto che ogni specie di critica riceve in risposta solo insulti, mai discussione.
E si è anche vista l'entità del servilismo.
Ora bisognerà vedere che cosa eventualmente si muove nei comuni, nel famoso territorio... Mah!

Quoto anna s. (io sono carlo esse, o carlo s.: siamo parenti?). Credo che fini, messo in un angolo, stia facendo il possibile per tentare di uscirne; acquisendo credibilità democratica e politica in un partito che non ha nulla nè di democratico nè di politico. Resta tutto da vedere se agli italiani (o almeno a quelli che votano da quelle parti) importi o meno realmente della politica o della democrazia. Berlusconi evidentenmente crede di no (lui crede solo in se stesso e in un popolo che crede solo in lui). Fini punta sull'altra carta, confidando in un sussulto d'orgoglio, e almeno in questo ha la mia personale simpatia. Temo sia vana, ma spero ancora di potere essere smentito.
Però che qualcosa si smuova non può che farmi piacere. Aspettiamo e vediamo.

Se pure quell'idiota di Bossi comincia a temere qualcosa, vuol dire, secondo me, che c'è molta più maretta di quanto non appaia.
Comunque, almeno Fini ha avuto il coraggio di mettere in discussione il dittatorello. Dove sia in grado di arrivare non ne ho idea, anche perché i numeri non sono dalla sua parte. Molti ex di AN sono stati comprati, prova ne sono ignazio la "rissa" e altri ex fedelissimi.
Una cosa è certa: Fini ha detto chiaramente che questo governo non ha fatto nulla finora per il paese e per il viscido questa critica è il peggio che gli potesse capitare.

Dobbiamo anche fare Mooolta attenzione a chi si proporrà al posto di Berlusconi.
Per quale VERA ragione qualcuno si presterebbe a cercare di fare uscire una Italia così disatrata dalla Palude ? Chi oserà dire agli Italiani che dovranno "buttare anima e sangue "?
.
.
tusitala.blog.kataweb.it/2010/04/24/il-trauma-del-cambiamento-deve-fare-il-suo-corso

Bossi si preoccupa credo perché Fini è presidente della Camera e potrebbe un po' intralciare il corso trionfale delle cosiddette riforme degli sfasciacarrozze.
Ora, se la Lega non bluffa e davvero farà cadere il governo, ci troveremo penso in grave rischio.
Le elezioni le vincerebbero ancora le destre in ogni caso, temo. Non so se Fini riuscirebbe a staccarsi, a formare qualcosa, una nuova forza capace di contrapporsi alla Lega (se non si stacca, lui e i suoi non sarebbero inseriti nelle liste del PdL, questo è sicuro) e cambiare il panorama, consentendo un governo di destra diversamente equilibrato. Ho paura che, se tutto precipita velocemente, non sia possibile per finiani e gli altri scontenti organizzarsi e ottenere sufficienti consensi.
Il centrosinistra d'altra parte è ancora in affanno, debolissimo - non si saprebbe nemmeno chi proporre come presidente del Consiglio...
Insomma: avremmo ancora probabilmente Berlusca tra i piedi, più incattivito che mai, e Bossi infiammato, forte e prepotente. Un presidente della Camera leghista, e Fini e i suoi ridotti a quasi nulla.

L'unica speranza che nutro è quella riposta nelle sorprese imprevedibili e ironiche che riserva la realtà rispetto alle previsioni. Finora però non sono state "belle", queste sorprese.
Per esempio, mi viene in mente: se spuntasse fuori Tremonti al posto di B, dovremmo rallegrarci?

Aggiungo: se Bossi bluffa, il risultato è che cercheranno di accelerare le "riforme" (e il disastro della nostra repubblica).
Sempre in assenza di opposizione. Noi dell'area progressista non sappiamo ancora né quali siano le riforme che noi proponiamo (né perché mai le proponiamo, e in quali campi). Non abbiamo idea di che cosa pensiamo di fare per l'istruzione e la formazione, per la famosa giustizia, come vediamo il federalismo fiscale, il presidenzialismo e via dicendo. Sappiamo solo che intendiamo "discuterne" in parlamento, cioè spostare qualche virgola o rendere più ambigua qualche paroletta nei progetti calderoliani o simili.

Ma smetto qui (mi scuso per la vana prolissità).

Tremonti capisce un po' di più di Economia di Berlusconi. Sarebbe già un passo avanti.
Abbiamo bisogno di persone Competenti, il Paese ne ha un tremendo bisogno.
Se poi queste persone Competenti non saranno perfette, beh ... da cosa nasce cosa ... potranno sempre migliorarsi. Ma intanto che ci aiutino a salire un primo scalino.
Qui ci vogliono riforme economiche di grande respiro.
Ci vuole una Vision -
Non un adeguamento alla Cultura Corrente (vedi il vescovo irlandese)

Sì, hai ragione P@ola. Sarebbe, forse, un gradinetto. L'attuale PdC è il peggio che possiamo avere col suo conflitto d'interesse, con le sue Tv e case editrici, con la sua prepotenza da dittatore, i processi da cui vuole difendersi, gli amici stallieri e bibliofili, con le sue orribili gag, ecc.
Tremonti forse è meno sudamericano.
Sulla Vision, tuttavia, sono più scettica. Temo che in questo momento non ci sia nessuno che ne abbia una.

il governo potrebbe anche cadere, ma napolitano sarebbe obbligato a ridare l'incarico a berlusconi che magari lo rifarebbe togliendo un ministro (ronchi) e qualche sottosegretario per sostituirli con dei suoi o dei leghisti. e così si andrebbe avanti tre anni.
treconti sarebbe una sciagura senza precedenti.
l'italia non ha bisogno di un ragioniere, che tra l'altro in tanti anni ha dimostrato di non saper nemmeno fare i conti, ma di un progetto politico, una vision come dice paola.
padoa schioppa era un contabile molto più attrezzato di tremonti per rimettere in sesto i conti, e senza quei due anni oggi saremmo allo sfascio finanziario. altro che grecia.
non dimentichiamo che dopo due anni di tremonti il debito è tornato al 115% del pil. e ci consoliamo pensando di aver risuperato la spagna, che però ha il debito al 36%.
(la grecia all'89%).
il progetto politico della lega c'è ed è molto chiaro, ma fa a cazzotti con i problemi dell'italia.
il progetto politico di berlusconi invece non c'è ed è solo per questo che la lega ha campo libero. fra le tante cazzate che fini ha detto, questa è l'unica cosa seria.

Secondo me Bossi è il meno preoccupato di tutti. Leggo il suo atteggiamento come di spalla a Berlusconi, sembra dirgli: "stai calmo tu, tieni duro all'interno del partito, se bisogna far cadere il governo lo faccio io"...
E' chiaro che Berlusconi andando a rivotare in questo momento avrebbe la vittoria in pugno, si libererebbe della tara Fini, e potrebbe durare oltre il mandato di Napolitano e magari farsi eleggere dai suoi Presidente della Repubblica anche senza riforme...

Concordo pienamente sul valore di Padoa Schioppa rispetto a Tremonti.
Padoa Schioppa ha - anche - potuto fare quello che ha fatto perchè c'era Romano Prodi, dietro di lui.
Tremonti deve già lottare con Bderlusconi, non dimentichiamocelo...
Emergerà qualcuno con una Vision, dobbiamo stare attenti, soprattutti a quelli che non sono ancora insigniti di autorità ma che hanno le idee chiare ..

un bel giorno l' ex fascista fini si rese conto che lui non voleva entrarci nulla con la mafia, la curruzione, le barzellette e la pedofilia (o almeno non più).
così divenne illuminato e si battè per la libertà... però, così facendo, si ritrovò dalla parte di tutti coloro che venivano trattati a pesci in faccia se non la pensavano come il dittatore, e non era certo una bella sensazione...

All'inizio, di Fini pensavo malissimo perchè era un fascista vero e proprio. Poi cominciai a pensarne male perchè pian piano qualcosina in lui si modificava.
Quindi ogni tanto mi dicevo "beh, ne ha azzeccata una".
Successivamente questi momenti si andavano solidificando come l'acqua quando diventa ghiaccio e il Fini del 2010 mi pare molto diverso dal Fini del 1995. Una destra diversa, molto diversa.
Solo opportunismo, il suo? Non lo credo, penso anzi si tratti di una sua evoluzione personale e politica. E comunque io mi rifiuto nel modo più fermo di pensare che le persone cambino solo per interesse: sono anzi fermamente convinto che tutti (nessuno escluso) possiamo cambiare.

Occhio, ragazzi, la sinistra si sta riorganizzando sotto la saggia guida di Massimo D'Alema che oggi ha dato le necessarie indicazioni:

"non credo alle risposte subalterne alla destra, cioè quella di individuare un leader carismatico, un corpo in grado di competere col corpo mistico del capo, nell'attesa messianica tipica del provincialismo italiano di un Blair della Brianza, uno Zapatero campano, un Obama bianco, tutte forme subalterne che non sono la risposta giusta, vedo un processo più faticoso che muove verso l'alto e verso il basso con lo sforzo di tornare a rappresentare conflitti reali"

Alzi la mano chi ci capisce qualcosa.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30