La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Bufala? La storia del treno e del disabile tra controllori robot e passeggeri Ponzio Pilato | Principale | Riabilitare Bettino Craxi? »

31/12/2009

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Grazie,
auguri anche a te, ai tuoi cari, ai tuoi amici.

BUON 2010!

Da Irnerio.

Ed io gli auguri me li faccio per me: che il 2010 mi porti tanti interessanti post di Luciano-Idefix. ;-)
Un abbraccio,
Artemisia

Cosa dire?
Grazie e contraccambio.


Dedicato a Luciano e a tutti gli amici del blog (pessimismo e alone di sfiga a parte), con i miei più sentiti AUGURI!!!! :-)

DIALOGO DI UN VENDITORE DI ALMACCHI E DI UN PASSEGGERE

Venditore:
Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi?

Passeggere:
Almanacchi per l’anno nuovo?

Venditore:
Sì signore.

Passeggere:
Credete che sarà felice quest’anno nuovo?

Venditore:
Oh illustrissimo si, certo.

Passeggere:
Come quest’anno passato?

Venditore:
Più più assai.

Passeggere:
Come quello di là?

Venditore:
Più più, illustrissimo.

Passeggere:
Ma come qual altro? Non vi piacerebb’egli che l’anno nuovo fosse come qualcuno di questi anni ultimi?

Venditore:
Signor no, non mi piacerebbe.

Passeggere:
Quanti anni nuovi sono passati da che voi vendete almanacchi?

Venditore:
Saranno vent’anni, illustrissimo.

Passeggere:
A quale di cotesti vent’anni vorreste che somigliasse l’anno venturo?

Venditore:
Io? non saprei.

Passeggere:
Non vi ricordate di nessun anno in particolare, che vi paresse felice?

Venditore:
No in verità, illustrissimo.

Passeggere:
E pure la vita è una cosa bella. Non è vero?

Venditore:
Cotesto si sa.

Passeggere:
Non tornereste voi a vivere cotesti vent’anni, e anche tutto il tempo passato, cominciando da che nasceste?

Venditore:
Eh, caro signore, piacesse a Dio che si potesse.

Passeggere:
Ma se aveste a rifare la vita che avete fatta né più né meno, con tutti i piaceri e i dispiaceri che avete passati?

Venditore:
Cotesto non vorrei.

Passeggere:
Oh che altra vita vorreste rifare? la vita ch’ho fatta io, o quella del principe, o di chi altro? O non credete che io, e che il principe, e che chiunque altro, risponderebbe come voi per l’appunto; e che avendo a rifare la stessa vita che avesse fatta, nessuno vorrebbe tornare indietro?

Venditore:
Lo credo cotesto.

Passeggere:
Né anche voi tornereste indietro con questo patto, non potendo in altro modo?

Venditore:
Signor no davvero, non tornerei.

Passeggere:
Oh che vita vorreste voi dunque?

Venditore:
Vorrei una vita così, come Dio me la mandasse, senz’altri patti.

Passeggere:
Una vita a caso, e non saperne altro avanti, come non si sa dell’anno nuovo?

Venditore:
Appunto.

Passeggere:
Così vorrei ancor io se avessi a rivivere, e così tutti. Ma questo è segno che il caso, fino a tutto quest’anno, ha trattato tutti male. E si vede chiaro che ciascuno è d’opinione che sia stato più o di più peso il male che gli e toccato, che il bene; se a patto di riavere la vita di prima, con tutto il suo bene e il suo male, nessuno vorrebbe rinascere. Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?

Venditore:
Speriamo.

Passeggere:
Dunque mostratemi l’almanacco più bello che avete.

Venditore:
Ecco, illustrissimo. Cotesto vale trenta soldi.

Passeggere:
Ecco trenta soldi.

Venditore:
Grazie, illustrissimo: a rivederla. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi.


Ilva: grazie per Leopardi. Resta una delle capocce più lucide che abbiano circolato in Italia.

Luciano: trovo sempre questo Dialogo uno dei pezzi più significativi e commuoventi (pur nella sua razionalità e pacatezza) della nostra letteratura.
Non a caso l'ho scelto, per condividerlo con voi.
Anche se con l'ottimismo (è d'obbligo?) che dovrebbe permearci a Capodanno ha poco da spartire. :-)

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30