La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Ru486 e scomunica del Vaticano: grazie a Dio non sono cattolico | Principale | Il passante di Mestre »

02/08/2009

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Pure io ho scritto daa pillola abortiva oggi!
L'esempio qui del Tic è molto calzante, e potrebbe essere illuminante se si accettassero lumi. Ma, come d'altra parte nota il tic medesimo alla fine del post i vantaggi sono altri per la Chiesa.

scommessa vinta a priori

bellissimo post

Ed è qui che veniamo ad affrontare, in pieno, il merito dello scontro. Cioè: qual è la cultura che in Italia, da destra e da sinistra, si confronta con il tema dell’aborto? Cattolica? Integralista? Fondamentalista? Proviamo a definirla per difetto: non è una cultura laica. Anche la maggior parte dei sostenitori della legge 194 continuano a dire che si tratta di un dramma Usando questa espressione si tende a far propria la convinzione che il feto sia già vita umana sposando, di fatto, i convincimenti della Chiesa cattolica. E’ un convincimento che non è provato scientificamente ma che, in quanto valore per chi ci crede, va rispettato. Ma perché tentare di imporlo a tutti? Ma ancora di più perché paragonare la scelta di ogni donna, qualsiasi siano le sue convinzioni o il suo sentire, alla morale dei soli cattolici. Ecco qui che l’espressione l’aborto non è un dramma va calato nelle diverse individualità, nelle diverse convinzioni, nelle diverse esperienze. Ci saranno donne per cui la decisione di abortire è un dramma, ci saranno coloro per cui non lo è, ci saranno altre ancora per cui è una decisione complicata ma che non implica sofferenza.

In questi decenni si è cercato invece in tutti i modi di colpevolizzare le donne, di farle sentire delle assassine. Si è cercato di imporre una visione parziale a tutti, condannando moralmente chiunque abbia sulla vita, sul corpo e sulla libera scelta posizioni diverse. La discussione va portata su questo punto, anche se so molto bene che quando lo si tocca si suscitano rabbia, disprezzo, persino odio. “L’aborto è un dramma” è un assioma intoccabile, pena la scomunica. C’è però una differenza che va sottolineata. Io non voglio convincere nessuno della mia idea di vita o di libera scelta. Anzi, penso che tutte le posizioni siano lecite. Perché allora gli altri mi vogliono imporre i loro valori e mi vogliono obbligare a rispettarli?

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

ancora blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30