La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Rock di giganti, pubblico di mummie e colpo di scena finale: John Fogerty a Piazzola sul Brenta | Principale | Al festival di Mantova: Luciano Comida con Anne Fine e Anna Sarfatti »

30/07/2009

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Le staordinarie ed "intelligenti" connessioni di certi direttori di redazione... Vai a capirli! Un trionfo ed una serie di morti per annegamento connessi solo perché c'è l'acqua di mezzo? Si, è proprio un cortocircuito.
Tutti gli anni, nel periodo estivo, la cronoca riporta morti per annegamento ed ogni volta mi chiedo come è possibile che la gente non si renda conto di quanto sia pericolosa l'acqua in certe condizioni: mare agitato, poca abilità nel nuoto, bagno durante la digestione, bambini non controllati, spiagge e piscine senza bagnini e mezzi di salvataggio, divieti di balneazione e via discorrendo. Non sempre si può attribuire tutto alla "fatalità".

In più, queste due notizie unificate danno la dimensione tragica di un paese "doppio" o "triplo" se non "quadruplo". Da un lato prestazione agonistiche individuali eccezionali, dall'altro uno sport di massa scarsissimo, da un terzo lato un numero spropositato di quotidiani sportivi, sul quarto versante l'esasperazione del tifo soprattutto calcistico.
Ma forse tutti questi elementi si tengono l'uno con l'altro.

Scusate ma trovo il vostro ragionamento capziosamente a tesi.
Sarebbe come mettere in relazione la notizia delle vittorie di Rossi al moto GP o quelle (poche oramai) della Ferrari in F1 con gli incidenti stradali.
Gli incidenti in mare sono stati causati dall'imprudenza e da condizioni avverse (vento e mare agitato). Che c'entra lo sport di massa, il tifo calcistico eccetera.
Purtroppo gli incidenti in mare (così come quelli in montagna) capitano anche a persone espertissime

Può darsi che sia capzioso. Però nel post mi sono limitato a riportare due notizie che i giornali radio davano (forse involontariamente) in sequenza. E che, ascoltate una dopo l'altra, sembravano un malizioso accostamento alla Blob.

Eeka, non c'entra nulla con quello che voleva dire Luciano, ma gli sport motoristici e gli incidenti stradali sono in relazione fra loro, eccome! Vuoi che la fanatica adorazione della velocità e l'esasperato agonismo non influiscano in alcuni - sottolineo alcuni - il loro modo di guidare?

Nella sua tragicità ti segnalo anche un titolo di un giornale letto a Sappada (non ricordo quale fosse):
"Aveva giorni, muore nella notte".
Ma santa polenta...

Cosa vuol dire "aveva giorni"?

Ah! mi è rimasto nella tastiera del pc "pochi".
"Aveva pochi giorni, muore nella notte", è il titolo (da galera) del quotidiano.

Cosa dire? Dal titolista è venuta fuori una fesseria. Però (a suo modo) quel titolo è una sintesi (involontariamente) efficace: l'avesse scritto un poeta sarebbe una vita in breve.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30