La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Soru contro i cappellacci di Berlusconi | Principale | Obiezione di coscienza: nessuno può essere così stupido ignorante insensibile »

17/02/2009

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Parla bene Nietzsche, ma intanto c'è chi smantella...

Il maggiordomo, Luciano!
E' sempre colpa del maggiordomo!

Stasera a Ballarò ci stanno dicendo che il problema della sinistra è l'antiberlusconismo. E' vero, facciamola finita e diciamocelo finalmente: Mills l'ha corrotto Veltroni, e per questo adesso giustamente si è dimesso.

Ehi, aspettate un attimo: Mills l'avevo corrotto io! Chi si prende i miei meriti?!?!?! Marrani!!!

Confesso: l'ho corrotto io. Con i soldi guadagnati contrabbandando puntine da disegno. Il movente? Screditare l'Innocente.

Non è possibile che tutti vogliano sempre saltare sul carro del vincitore e prendersene i meriti. Facciamo così: il primo che arriva in Procura a costituirsi è il corruttore. Pronti...partenza...Via!
Be'? Ancora tutti lì? I soliti italiani che parlano parlano, ma poi all'atto pratico...

Berlusconi e' stato il primo a sottoscrivere...

Per essere al di sopra di qualcuno, Berlusconi deve mettersi i tacchetti.

ed io che pensavo gli italiani sognassero tutti di essere corrotti...

Come diceva non ricordo chi: per tradire e per venir corrotto, c'è chi pagherebbe.

Senza parole. Ma Veltroni avrà voluto fare un ultimo regalo al "caro avversario" dimettendosi lo stesso giorno della notizia del corrotto Mills in modo tale da deviare l'attenzione? Ma essere anti-qualcosa, soprattutto anti-berlusconiani, perchè dev'essere un punto negativo?
Perchè per loro è positivo essere anti-omosessuali (ah già si dice pro-etero), anti-aborto e anti-eutanasia (ah già si dice pro-life), e anti-tasse (ah già si dice furbi..).
MBAH!

lungi da me l'intenzione di criticare qualcuno.
rileggo gli interventi precedenti e faccio una considerazione. tutti o quasi ci scherzano sopra.
chiaro che è ironia, ma forse ci siamo abituati ad avere un premier che se ne fotte delle leggi, della legalità, dei problemi da affrontare e di tutto quello che gli competerebbe.
forse ci siamo abituati ad avere un pregiudicato alla guida del governo, dove pregiudicato è anche chi ha goduto della decorrenza dei termini per farla franca.
per me la storia di mills è una cosa orribile. e ancora più orribile è il fatto che i sostenitori di berlusconi non hanno commentato dicendo "è una montatura", che prima degli altri gradi di giudizio ci poteva anche stare (un po' stretta a dire il vero), ma hanno detto che siccome c'era di mezzo il premier la sentenza è stata ad orologeria e dura. come se per un reato del genere si dovessero chiudere gli occhi e dare una pacca sulla spalla.
sarò presuntuoso, ma io mi sento immensamente superiore a quella massa di idioti che si sono dati un premier di questo genere.
e penso che veltroni, che ogni mattina appena alzato non ha gettato un secchio di merda sul presidente del consiglio, il suo fallimento se lo sia cercato.
perchè contro un personaggio del genere altro che dialogo. le barricate su tutto bisogna fare.
anche perchè il dialogo per quel nano malefico è possibile solo con chi gli dà comunque ragione.
non ci si può abituare a tutto: non si può accettare supinamente che tre sigle sindacali su quattro, in una situazione del genere facciano da sponda a un governo così. non si può accettare che un personaggio divorziato puttaniere e amorale faccia da sponda a ratzinger col quale in comune ha solamente la brama di potere assoluto.
e non si può accettare che in un paese civile la maggioranza della gente voti per un soggetto del genere.
sarò irrispettoso della volontà degli elettori ma non ho altro termine che idiota per definire chi lo vota e lo voterà.

Marcob: sottoscrivo e ti abbraccio.
Aggiungo solo una cosa: la mia disgustata indignazione è tale che (almeno ogni tanto) cerco di buttarla in ridere. Per non piangere.
Per il resto (ripeto), sottoscrivo in pieno il senso e la lettera del tuo commento.
NOTA PER CHI (SENTENDOSI OFFESO DAL TERMINE "IDIOTA") VOLESSE QUERELARCI:
secondo l'etimologia (lo spiego per l'elettore medio berlusconiano: "l'origine del significato delle parole") l'italiano "idiota" deriva dal greco "idios". Che propriamente significa cittadino privato, escluso dalle cariche pubbliche, e quindi, per la mentalità greca, rozzo, ignorante e incompetente nella sfera politica.

E' stato Rasputin
:)

Marco, ti capisco e anche a me a volte pare che scherzare su una situazione catastrofica come quella che abbiamo sotto gli occhi sia troppo indulgente nei confronti di chi l'ha provocata e continua a perpetuarla. Il conflitto di interessi, la deformazione della realtà il controllo dell'informazione, la presa in giro dei cittadini, della loro (presunta) intelligenza, del senso comune, sono talmente diffusi che sono diventati come l'aria, ci sono, ma non li vedi, anche se si avverte come un appesantimento della gravità, è come se l'atmosfera fosse più pesante, tanto da costringerci a camminare un po' gobbi. Ci si abitua anche a quello, evidentemente. Solo quando tenti di guardare il cielo, ti accorgi che fai più fatica di prima e ciò che una volta vedevi con facilità ora ti costa uno sforzo in più. Molto più facile guardarsi la punta dei piedi, cosa che gran parte dei miei connazionali stanno facendo. Ciononostante non si rendono conto che stanno camminando nella merda.

Marcob, sono d'accordo con te. L'unica consolazione in questi tempi bui è che non sono sola a provare disgusto e sconforto

Domani vi parlerò di un film del 1988 (una piccola pellicola semisconosciuta, americana, fanta-horror), che dice tanto, tantissimo, sulla ributtante Italia di adesso: "Essi vivono" di John Carpenter.

Beh.. non è esattamente una parola di speranza...

Io. Io.
Sono stato io a corrompere Mills.
E qualche anno fa, a Twin Peaks, ho ucciso Laura Palmer.

Tra poco daranno i numeretti, come nelle code degli uffici postali.

Io non ho corrotto Mills, ho pagato un mio amichetto basso e pelato per farlo...

è stato l'ultimo regalo di Veltroni al suo compare Berlusconi: dimettersi (giustamente) proprio nel giorno in cui c'era la sentenza Mills. Mai visto un tale concentrato di incompentenza e sfiga in un solo uomo. Pure quando se ne va fa dei danni, Veltroni.

Di straordinario e involontario humour è che, invece del capo del governo, si sia dimesso il capo dell'opposizione.

Sarò depresso, ma nemmeno io riesco a riderci su.
Mai riuscito a ridere nello stesso momento in cui mi saltano i nervi. E che nervi!
Marco, hai la mia più totale incazzatura..., ops, volevo dire comprensione.

"Si hay un corrupto, hay un corruptor. Pero ya se sabe cómo son las cosas en Italia".
questo si scrive in spagna.
c'è qualche idiota che ha votato berlusconi che si sente di incazzarsi?

Marco, che domande?
Sai benissimo che nessuno ha votatooo... coso lì... (sono ancora in preda ai nervi e mi fa un po' schifo scrivere perfino il nome).

Mentre si sa per certo che qualche milione di coglioni, grulli, idioti non l'hanno votato.

Secondo me la domanda è un'altra:

C'è qualche coglione, grullo, idiota che finalmente si decide di incazzarsi? O NO???

Sono gli orologi togati dei magistrati giustizialisti che non lo lasciano lavorare e che fanno un uso politico delle sentenze e dei testimoni con la complicità dei giornalisti di una stampa asservita alla Cgil, all'ex-PCI-PDS-DS, ai poteri forti demo-pluto-pippo-giudo-massonici, all'Economist e a li mortacci de l'anima de Montanelli Indro e Biagi Enzo.
VIA DALLE STUPIDE BATTUTE: provo un misto di vergogna, sgomento, paura, preoccupazione, profonda autocritica, senso di impotenza, rabbia, disgusto, furia civile, ansia di rivincita (pacifica e liberale ma radicale, radicalissima).

Quoto integralmente l`ultimo commento di Luciano.

Un film/romanzo inglese degli anni sessanta, con Alec Guinness si intitolava: "Situazione disperata ma non seria"

Luciano, vedila così: Berlusconi ti offre perlomeno la possibiltià di sentirti superiore alla maggior parte degli italiani.

Purtroppo il problema non stà nel ladro che ci sarà sempre e sempre farà quello che sa fare,il problema è in chi dovrebbe contrastare ,combattere ,contenere i danni che fa il ladro,cosa ha fatto la sinistra fino ad ora?é andata in barca,ha comperato appartamenti in america,ha nOminato professorini imbecilli,ha fatto lotte intestine(con flatulenze insopportabili)ha fatto tutto quello che poteva fare per allontanare i propii elettori.Il male purtroppo stà anche ,troppo a sinistra,ed è un cancro che si deve sradicare se non vogliamo morire.edi

Infatti, Offender: se non ci fosse stato Berlusconi, cosa avrei fatto in questi ultimi quindici anni? Cosa avrei scritto? Solo libri per ragazzi? E avrei aperto un blog? Con chi me la sarei presa? Avrei riflettuto tanto sulla storia d'Italia? Mi sarei tanto infuriato con il Vaticano? Avrei tanto meditato sulle caratteristiche del "carattere nazionale"? Che metro di paragone avrei utilizzato per sentirmi, OGGETTIVAMENTE, superiore a certa gentaglia? Come avrei fatto a disprezzare così profondamente qualcuno (l'uomo Silvio) e qualcosa (il berlusconismo)? Come avrei fatto a provare un autentico disgusto fisico alla sola vista dei simboletti dei suoi tre canali televisivi? Come avrei fatto a diventare così visceralmente fazioso? Come avrei fatto a reinteressarmi così a fondo alla politica? Come avrei fatto a incazzarmi così tanto con i dirigenti della sinistra? Come avrei fatto a stimare così tanto visceralmente e affettuosamente certi uomini e donne italiani seri e onesti e capaci (i primi nomi che mi vengono in mente: Zagrebelsky, Eco, Sylos Labini, Foa, Levi Montalcini, Bocca, Galante Garrone, Biagi, Colombo, Scalfaro, Ongaro, Ruffolo, Trentin...)

Marco condivido tutto quello che hai detto e non voglio aggiungere altro.
Vengano fuori gli idioti che hanno mandato il nano malefico a governare il paese, si incazzino pure. Nessuno è più incazzato di noi, ci scommetto. Io sono incazzatissima.

Avrrò (avremo) il diritto di dire che esistono almeno due Italie? Quella dei sudditi che, davanti alla condanna di Mills corrotto dal Corruttore Ignoto, se ne impippano perchè a loro interessano solo ed eslusivamente gli affaracci propri. E l'altra Italia è quella dei cittadini che si indignano e che si indignerebbero anche se il Corruttore Ignoto fosse un uomo della sinistra: perchè questi cittadini amano il proprio paese, la giustizia, la libertà, l'uguaglianza e le regole della democrazia.
Due Italie, inconciliabili e incompatibili.
E in mezzo, una palude melmosa di ignavi.

Il mio tono, luciano, voleva essere scherzoso :-)

Anche il mio, Offender. Poi mi sono lasciato trasportare dal giramento.

Botta e risposta. (si tratta di due estratti da articoli diversi non collegati tra loro ma che mi hanno colpito per la loro incisività)

Berlusconi:
Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi non è preoccupato di quanto accade al Pd. Ai giornalisti che gli chiedono se tema il fatto di non avere di fronte un'opposizione strutturata dopo le dimissioni di Veltroni risponde: "No, è un'abitudine". "Sono 15 anni che sono in politica - aggiunge il premier - e mi sono confrontato con sette leader diversi, che sono andati a casa. Arriverà l'ottavo e credo non vorrà tradire la regola della sinistra".

Letta del pd:
"Le dimissioni di Veltroni ci mettono di fronte a una possibilità di un 8 settembre, di un tutti a casa in cui il centrosinistra non esiste più". L'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio preferirebbe andare al congresso subito, ma lo statuto del Pd è così "barocco e schizofrenico", un "mix di masochismo e autolesionismo, parte integrante di questo psicodramma", che "il percorso per andare ad un congresso è talmente contorto che durerebbe mesi".

Berlusconi vince sempre e senza nessuno sforzo, il suo è il classico vincere facile contro dei ragazzini disorganizzati e completamente privi di idee. Smettetela di prendervela con Berlusconi: lui è quello che è ed esiste solo perché c’è il vuoto. Non c’è nessuno qui, provate a ripensare alla fantastica ultima campagna elettorale che sembrava in realtà una minestrina inspida e riscaldata.

Ps. Non voto berlusconi!

Hai presente il film I MAGNIFICI SETTE? Un paesino di sprovveduti poveracci in cui spadroneggia una banda di tagliagole? Bene: nessuno si sogna di dire che la COLPA sia dei poveracci che non sanno difendersi. La COLPA resta della banda di tagliagole. Gli sprovveduti hanno semmai la responsabilità di non essere capaci di difendersi. E infatti subiscono e subiscono e subiscono le prepotenze e i soprusi dei banditi. Finchè non si decidono di rivolgersi ai Magnifici Sette (Yul Brynner, Steve McQueen, Charles Bronson, Brad Dexter, Robert Vaughn, James Coburn e Horst Buchholz). Il problema vero, in Italia, è: chi potrebbero essere i Magnifici Sette?

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30