La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Nuovi proverbi italioti (1) | Principale | Nuovi proverbi italioti (2) »

22/01/2009

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

La cosa più grave ed indecente è l'intervento del ministro Sacconi. Un ministro della Repubblica che si permette di intimidire pur di non far rispettare una sentenza della Cassazione è qualcosa che va al di là di ogni limite per un paese civile.

Infatti: e sulla copertina di Konrad (il mensile che esce la prossima settimana) metteremo qualcosa come il titolo IL RICATTO DEL MINISTRO SACCONI. Che un governo (potere esecutivo) impedisca l'esecuzione di una sentenza della magistratura (potere giudiziario) è indecente, al di là del tollerabile.

Io amo la mia città, Torino, e la mia regione. Devo dirti che con la Bresso sono ancora più fiero di essere piemontese.

Bravissima Mercedes Bresso. Mi rattrista però che in Italia ci sia la necessità di ribadire una cosa che dovrebbe essere ovvia.
Vorrei anche fare un'osservazione: se io fossi un obiettore di coscienza non mi arruolerei nell'Arma dei carabinieri o nella Polizia di Stato né, tantomeno, troverei lavoro in una azienda che produce sistemi di puntamento missili perché potrei trovarmi in situazioni che potrebbero entrare in conflitto con la mia coscienza.
I signori medici cattolici perchè non cambiano mestiere? La professione medica, soprattutto oggi, pone davanti a scelte - per così dire - di confine ed è indispensabile un'elasticità di giudizio ed una capacità di valutare caso per caso che una morale rigida e prescrittrice (e integralista) come quella cattolica imposta dalle gerarchie non consentono.
Quindi: o fanno i medici o si adeguano ai dettami delle gerarchie, che, se sono davvero cattolici osservanti, dovrebbero seguire.
Ma immagino che rinunciare al prestigio ed ai guadagni li renda cattolici a giorni alterni. Tanto le conseguenze della loro ipocrisia le subiscono altri...
Giudizio severo il mio? Forse.

Ciao Luciano.
premesso che non è possibile stabilire in maniera definitiva che grado di partecipazione alla propria sofferenza ci sia in chi versa in nello stato vegetativo e che quindi è legittimo pensare che sia migliore la morte, mi viene una considerazione da sottoporti e cioè:
La Cassazione non ha sentenziato che Eluana Englaro "deve morire" e che è obbligatorio interromperle l'alimentazione e la idratazione, ma piuttosto che è eventualmente permesso non alimentarla più se chi cel'ha in tutela se la sente e decide di farlo.
Presupponendo ora che alimentazione e idratazione non sono e non possono intendersi nella maniera più assoluta terapie, domandandomi e domandandoti quante persone disabili, con deterioramento neurologico grave, con deficit gravi psico-motori, con perdita delle capacità cognitive, della capacità di intendere e di volere, con alterazioni gravi comportamentali hanno bisogno di altri per alimentarsi,ecc.
La Cassazione deciderebbe, secondo te che sarebbe legittimo interrompere anche per loro l'alimentazione?
E se decidesse di farlo, saresti daccordo?
E se lo facesse il tutore autonomamente, sarebbe omicidio?
La situazione della Englaro merita che il tutore decida per lei? forse si;
E tutti gli altri che per le più svariate patologie partecipano alla realtà solo con disarticolati suoni gutturali, completamente assenti e disconnessi dalla realtà che li circonda, abbandonati ai loro movimenti spastici su una sedia a rotelle, incapaci di badare a se stessi? Che facciamo? Perchè non liberare anche i loro tutori dall'onere di doverli nutrire, accudire ecc.?
Lo so che su questo ci sarebbe da discutere a lungo e non in maniera superficiale. Tanti mi daranno adesso torto con le loro validissime considerazioni,ma la realtà è che nessuno può chiedere alla Eluana cosa vuole veramente e che sofferenze proverà il suo corpo abbandonato alla fame ed alla sete.
E' tragico, ma mi sento più favorevole alla eutanasia che a lasciarla morire per abbandono.

Giuseppe, nelle condizioni di Eluana purtroppo non si sentono più stimoli, quindi nemmeno la fame e la sete

La cosa che più mi fa innervosire, è che un manipolo di bigotti, pensa (o peggio vuol far credere) di voler più bene a Eluana, del proprio padre...
Poi sarebbe utile anche affrontare il tema dell'eutanasia di Karol Wojtyla...

Sai dove sta tutta la differenza?
Sta nel fatto che Mercedes Besso inauga il discorso rivolgendosi polemicamente al cardinale e non rivolgendosi polemicamente alle istituzioni dello stato.
La differenza è che l'assenza di laicità italiana si vede in questo. Tutti a rompere le balle ai cardinali, che sono per loro natura isomorfi agli ayatollah per statuto esistenziale, e nessuno che pensa a incazzarsi con una serie di rappresentanze politiche che hanno persino la faccia da culo di rivendicare un'eredità liberale. Per questo non c'è differenza tra Italia e Iran. Che i rappresentanti del clero si somiglino tutti e per vocazioni oneste, e per ambizioni politiche e spesso meno oneste, mi pare ancora terribilmente ingenuo.

Ti adoro, o incantatrice.

Quanto alla Bresso, attendiamo la reprimenda del Rutelli di turno (a nome di una parte del PD. Sapete il PD? E' quel partito che non serve a un cazzo...).

Il PD? Ma che esiste ancora?

La Bresso non si è esplicitamente rivolta ai suoi colleghi politici, ma le sue sono parole chiare.
Intanto già è un fatto che abbia mandato affanculo un cardinale (tanto per cambiare, ci voleva una donna a farlo!).
I cardinali, gli ayatollah, i Papi dicano quello che gli pare, ma sono le istituzioni a doversi ricordare che l'Italia è un paese laico e che un esecutivo non può essere al di sopra della legge del suo stesso Stato.

Per il resto, concordo con Eeka sul fatto che se una persona vuole fare il medico deve sapere che non può opporre a certe situazioni scomode la sua obiezione di coscienza ad intermittenza, quando gli fa comodo, altrimenti deve scegliersi un altro mestiere.

@ Tic: il PD è un partito che non serve a un cazzo? Io non sapevo nemmeno che fosse un partito, pensa un po'! ;-)

Per il cardinale Poletto (e per gran parte delle gerarchie vaticane) la legge divina è superiore a quella statale. E fin qui si potrebbe anche concordare: perchè, ad esempio, in base a ciò alcuni protestanti tedeschi (tra cui il grande teologo Dietrich Bonhoeffer) furono assoluti nemici della Germazia nazista fino al punto da progettare l'assassinio di Hitler e da venire uccisi per questo. Ma il discorso di Poletto diventa insidiosissimo quando si finisce nella seconda parte del ragionamento: chi decide cosa sia la legge divina? Forse la libera coscienza di ogni singolo cittadino? Ma nemmeno per idea (dicono Poletto & C): la legge divina la detiene e la stabilisce SOLO ED ESCLUSIVAMENTE la gerarchia cattolica.

Si sta creando una gran confusione di ruoli tra Stato e Chiesa: da una parte c'è il cardinale Poletto che pretende il primato della legge divina su quella dello Stato e, giustamente, una parte dello Stato l'ha mandato sulla forca; dall'altra abbiamo lo Stato e un suo rappresentante, il ministro per le politiche comunitarie (pensa un po', politiche che dovrebbero essere laicissime) Ronchi, che dà lezioni di catechismo alla chiesa ambrosiana e al suo capo il cardinale Tettamanzi, che è stato giudicato troppo tenero nei confronti dei musulmani inginocchiati davanti al Duomo di Milano, tanto da indurre il ministro dell'interno (pensa un po', abbiamo un ministro dell'interno condannato per resistenza a pubblico ufficiale per avere morso il polpaccio di un poliziotto) Maroni, a vietare le manifestazioni davanti ai luoghi di culto. La realtà è che le religioni cattolica e musulmana, tranne qualche eccezione, vanno d'amore e d'accordo, come dimostrato più volte in passato, mentre il governo vuole essere più realista del re e più papista del papa. E noi in mezzo.

Eeka.
Lo stato vegetativo è caratterizzato dal deterioramento della corteccia cerebrale,quindi dalla conseguente incapacità di percepire stimoli provenienti dall'esterno(sensibilità esterocettiva) ed elaborare risposte rilevabili dall'esterno.
Ciò non significa che non possano funzionare alcune aree più profonde dell'encefalo, che non possano funzionare aree dell'ipotalamo o dell'ipofisi(in quest'ultima risiedono i centri della sete, della fame e della sazietà). Non è detto che non ci sia più sensibilità propriocettiva incosciente, sensibilità viscerale e che non sia presente ancora una rudimentale sensazione di io corporeo. Molte funzioni in chi si trova nello stato "vegetativo" sono integre, come è presente ancora il ritmo circadiano di sonno-veglia. Insomma la situazione di Eluana Englaro potrebbe essere ancora peggiore di quella che noi umanamente riusciamo ad immaginare; un residuo di mente,con un minimo di capacità pensante(?), prigioniera in un corpo impossibilitato a manifestare esteriormente.
Principalmente per questi motivi resto più favorevole all'eutanasia(al dilà delle mie convizioni religiose che mi porterebbero nella direzione opposta)che non all'abbandono di un "corpo"(?) alla fame ed alla sete fino alla morte.
Ciao.

E noi valdesi? Noi che siamo cristiani e laici?

Sai che palle dover ogni volta precisare che essere cristiani NON significa automaticamente far parte della chiesa cattolica romana e papista?

Al che, tu replicheresti: "E sai che palle, per me e per noi, sentirti ogni volta far questa distinzione?!"

Giuseppe, dal punto di vista teorico hai ragione e ti ringrazio della tua precisazione.
Ma ti posso dire che i famosi medici di cui parlavo nel mio post precedente (quelli capaci di fare scelte di confine, per intenderci) spesso accompagnano ad un decesso dignitoso i malati senza speranza con l'infusione continua di morfina.
Altrimenti, faccio solo un esempio, chi potrebbe tollerare la crudeltà di lasciar morire per lento soffocamento un paziente terminale di fibrosi cistica?
Se molti si facessero un giretto nelle rianimazioni si renderebbero conto che il concetto di eutanasia è molto più naturale di tanti loro discorsi filosofici.

Infatti, Luciano, proprio per risparmiarti la tua seccatura di precisarlo e la mia noia di sentirtelo ripetere, ho specificato chiesa cattolica, così tu ne sei escluso. Content?
La cosa buffa è che i leghisti hanno contestato a Varese il cardinale Tettamanzi che invoca la tolleranza, Bossi dice che è sbagliato contestare Tettamanzi e Maroni che prepara la direttiva anti-musulmani. Poche idee, ma confuse.

ci voleva una donna per tirare fuori le palle?
scusate ma questa storia sta esaurendo il mio fair play
marina

L'ingerenza delle gerarchie ecclesiastiche è intollerabile. La vicenda Englaro è una vicenda privata, familiare e la Chiesa dimostra di mettere il naso non solo nelle questioni di stato ma anche in quelle private. Ci vorrebbe veramentte una nuova Avignone. Un caro saluto, Fabio.

In questi strani giorni in cui la Fiat mette in cassa integrazione gli operai, riceve le sovvenzioni dello stato e si compra la Chrysler, io volgo tutta la mia simpatia alla Mercedes, unica a fare un passo pubblico concreto contro le posizioni talibane e anche un po' mafiose di un ministrucolo di questa strana e sempre più incomprensibile repubblica delle banane e degli ayatollah. Propongo una emigrazione collettiva in Piemonte, unica apparente isola di civiltà in questa palude di supina acquiescenza ai potentucolati di politicanti e prelati.

Sarebbe il momento, in Italia, di presentare una proposta di legge sull'eutanasia (che poi si può chiamare in un altro modo ma il concetto è quello)

secondo me, sarebbe il momento che i mezzi d'informazione la smettessero di dare risalto a qualsiasi stupidaggine esca dalla bocca di un'eminenza.
l'uscita di poletto è stupida, inopportuna e addirittura delinquenziale. perchè il precetto di disobbedire alle leggi dello stato è comunque un incitamento a delinquere.
mercedes bresso ha risposto da sola nel modo in cui la politica in coro avrebbe dovuto rispondere.

Oggi c'era un ottimo articolo di Ezio Mauro, direttore di Repubblica.

Si, l'articolo di Ezio Mauro è molto interessante, l'ho letto anch'io e ne condivido i contenuti.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30