La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Comprerò meno libri | Principale | Brunetta, la lap dance e i dipendenti pubblici »

11/01/2009

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

un libro meraviglioso che mi aveva sempre incuriosito, fortunatamente sono riuscita ad approfondirlo con un intero corso dedicatogli all'università, e leggerlo dopo le spiegazioni di un professore bravissimo ha sicuramente aumentato la possibilità di apprezzarlo. ottimo davvero

Un corso universitario? Ne hai forse una copia? Felice comunque, come ogni volta che incrocio qualche fan di Casanova, scrittore grandissimo.

Che dire, una vita vissuta intensamente e arricchita ancor più dall'arte di saper narrare. Un abbbraccio, Fabio.

Mi sa che lo conosci.

Ci ho un po' un dubbio sulla questione "rispetto delle donne".
Ma non lo conosco bene - e giudico in maniera superficiale.

C'è un interessante saggio (uscito in Italia da Fazi)di Lydia Flem, psicanalista e femminista: "Casanova. L’uomo che amava le donne, davvero"

Si Luciano - ma ce n'è uno se non erro di Matt Blanco (ma ne citerei altri venti se mi concentro) che dice il contrario. Non conosco Flem, e potrebbe essere interessante - ma mantengo un certo scetticismo.

Ti faccio un esempio casanoviano (cito a memoria): "Il mio piacere è ben poca cosa se non si accompagna a quello di lei"

Si Luciano io capisco cosa si intende strictu sensu:) E non posso andare oltre a parlare di un testo che non conosco! Può essere che tu abbia ragione non lo so. Magari un giorno lo leggerò seriamente e scientificamente:)

Aiuto! mi immagino già il post che scriverebbe zau dopo aver letto tremila pagine! :))))

ps. Io da quando frequento sto blog, sto prendendo appunti su appunti di libri che devo leggere...

Non voglio certo dire che il settecentesco Casanova sia un femminista: sarebbe un'esagerazione anacronistica. Però, in quel secolo, è un uomo differente, molto differente. Intanto, le donne (122 in totale) con cui ha rapporti sanno quasi tutte con grande chiarezza e autonomia cosa lui voglia da loro (che è la stessa cosa che loro vogliono da lui): seduzione, piacere, tenerezze, sesso, conversazione, intimità, humour. Giacomo Casanova è lontanissimo da Don Giovanni: lui non si sognerebbe mai di fare il catalogo delle proprie conquiste (ricordi nel Don Giovanni mozartiano? "Madamina, il catalogo è questo...in Italia seicento e quaranta, in Almagna duecento e trentuna..."?). Per Giacomo ogni storia, ogni relazione è (nel momento in cui esiste) LA STORIA erotica e quella donna è (finchè la vicenda dura) la DONNA in assoluto. Certamente in lui vi è un elemento adolescenziale, l'incapacità di costruire rapporti duraturi su cui lavorare quotidianamente e in due. Ma (a parte qualche caso) Casanova non è un predatore di donne, un collezionista di femmine. E poi cerca (anche qui non sempre) di prendersi carico delle donne con cui ha avuto una relazione, anche a distanza di anni si ricorda di loro e si mostra generoso, pronto ad aiutarle.

Jubal: sospendi gli appunti e buttati dentro il capolavoro di Casanova. Lo trovi in due edizioni integrali: i tre splendidi volumi dei Meridiani Mondadori, con eccellente apparato di note, a un costo che adesso è oltre i 100 euro. Oppure in due volumoni della Newton Compton che si possono recuperare nei remainders a dieci/undici euro in totale. Io ti suggerirei la seconda soluzione. Poi (se sarai entusiasta) potrai passare all'altra edizione. Oltre che alle ulteriori opere di Casanova e alla saggistica e narrativa (eccezionale tra gli altri IL RITORNO DI CASANOVA di Schnitzler) su di lui.

Dimenticavo: leggilo con il godimento che merita. Se per qualcuno (anche per Casanova) la vita deve essere vissuta come un'opera d'arte, per Giacomo fu anche il rovescio (l'opera d'arte scritta come una vita)

Caro Luciano, forse ho trovato un modo ancora migliore, mi faccio perstare i volumi dei meridiani dalla biblioteca comunale del mio paese :))

Grandissimo post, Lucià.
Ti si vuole bene...

tic

Meglio ancora.
Se cominciare dalla prefazione di Casanova e dall'inizio del capitolo 1°ti annoia, salta direttamente e senza vergogna alcuna alle ultime due righe di pagina 21 che ci portano nel vivo: "Ma veniamo all'inizio della mia vita di essere pensante. Al principio d'agosto del 1733 mi si sviluppò la facoltà della memoria. Avevo dunque otto anni e quattro mesi..."
E poi chi ti ferma più?

Il "meglio ancora" del mio precedente commento si riferiva a quanto detto da Jubal.

Ciao Luciano
Ho trovato in una bancarella dell'usato il saggio "Vita di Casanova" di Luigi Bàccolo ( Rusconi 1994).
Volevo chiedertelo da un bel pò.
Lo conosci? Lo hai letto? Se si, che ne pensi?
Io non l'ho ancora iniziato.
La tua intervista domani andrà in stampa.
Settimana prossima ti mando per posta un paio di copie.
A Prestissimo

L'ho a casa e devo guardare, perchè non me lo ricordo. Unico avvertimento (che vale per tutte le biografie su Casanova): attenzione a non guastarsi il piacere della lettura dell'originale.
(Grazie per l'intervista. Che dici? La metto anche sul blog?)

certo
a me farebbe solo piacere.
vuoi che te la mandi sulla tua mail?

Grazie

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30