La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Riguardando Helzapoppin' | Principale | Veltroni e l'ombrellone »

04/08/2008

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

confermo che Luciano è schizzato subito sotto al palco , a far compagnia al gruppo che veniva da Moggio , e che a tre a tre facevano l'eta' nostra.

sono rientrata oggi dalla trasferta per i due concerti di Davide a 400 km dalla mia terra ,
e ora chiudo un attimo la "bottiglia del temporale" che ho nello stomaco per le tante emozioni
di musica e amicizia...
faccio un sonnellino , poi se riesco vi racconto quello che ho visto io...

Ci speravo, che sul blog, arrivasse anche Artemisia/Cinzia. Un personaggio, anzi: una personaggia eccezionale. Una donnina piccina e tosta, concentrato di forza e dolcezza, arte erboristica e poesia. (Anche a Tatjana è simpaticissima)

Ed è una appassionata e competente fan di Davide.

Io non sono competentissimo di van De Sfross, ma ho sentito qualche suo disco e qualche sua intervista. Un tipo tosto, che sa quel che fa e dice e non si è fatto irretire dai politici che lo volevano assoldare nelle loro file solo perché è lombardo e tremezzino e canta in dialetto. Bravo Davide!

Ti lascio solo un ciao iao ed un saluto.
Io sono una Amusic (il 4% della popolazione mondiale) per cui non sono in grado di commentare la musica e i cantanti perchè non li "capisco", non percepisco le differenze, i ritmi, i toni ecc...
Ma sono passata di qua prima di scendere a fare una passeggiata...
buona vita a te e a tutti tutte!

non lo conoscevo e confermo di non averlo capito subito.
(i concerti dal vivo sono per pochi, luciano!)

e io che pensavo che fosse olandese!!! non l'ho mai sentito, lo conoscevo solo di nome, ora provo.

Anch'io stimo Van De Sfroos pur non essendone un fan accanito; non si è fatto "assoldare" dai leghisti? Beh, in genere non mi interessano le idee politiche dei musicisti, e per me non danno nessun valore aggiunto, né demerito, alla loro arte.


x Paola....prova a leggere le parole delle canzoni di Davide , allora...
ha gia' una metrica che puo' farti intuire cosa sia il ritmo....
e anche il contenuto di quelle parole , è in sintonia con il suono , con la mimica , con le persone che sono sul palco e sotto.....
sul suo uso del dialetto avevo scritto una cosa , dopo un incontro tenuto a Como....ve lo "appiccico" :

PAROLARIO 30 – 08 -07

A proposito di dialetto usato in musica o letteratura , Davide e’ stato ospite (il 30 agosto di quest’anno) a Parolario , una manifestazione organizzata da una associazione di Como che approfondisce temi letterari , poetici e perché no musicali con attinenza al Lario.

Il tema della serata era “ Cantori in lingua madre. Opere poetiche latine di Padre G.B. Pigato”
che partendo dalle poesie scritte in latino nella seconda parte del secolo scorso da un sacerdote ,
grande insegnante e preside di un noto liceo della città ,
analizzava la possibilità di espressione in una lingua “altra” dall’italiano.
Davide ha spiegato di aver scelto il dialetto come lingua per le sue canzoni ,
non soltanto perché affezionato a quella parlata che continuamente sentiva dalla sua gente ,
non certo per un’istanza di tutela di un patrimonio linguistico (di cui è peraltro contento quando praticata)
ma per un motivo decisamente “musicale”.
Ci ha fatto capire come il comasco (anzi il lagheé) si addica alla sua metrica interna ,
condizione essenziale perché il ritmo di una composizione parli in sintonia con i concetti espressi.
Cerco di spiegare meglio quello che ho compreso ,
e’ come se per far passare un’esperienza , una descrizione di fatti o persone ,
non siano sufficienti vocaboli appropriati
ma che la completezza venga dal tono o meglio proprio dal ritmo della frase ,
e che chi canta debba essere molto in contatto con il proprio ritmo personale
(quello del cuore , del respiro , dei pensieri)
per poter tramandare ciò che ha percepito nella realtà.
Questa è stata definita la “lingua madre” , che non deve coincidere per forza con quella che solitamente si usa per farsi capire tutti i giorni
– passami il sale , chiudi la porta , ciao io vado -.
Mi ha colpito molto questa visione della lingua :
io uso sempre l’italiano , faccio parte di quella schiera di studenti che negli anni settanta sono stati “smacchiati” dalle inflessioni dialettali , viste come demonio a scuola ,
e perso per sempre il parlare quotidiano , uso il dialetto solo per intercalare qualche frase colorita .
Ma la spiegazione di Davide mi ha illuminato sul perché le sue canzoni mi abbiano folgorato fin dal primo ascolto ,
è come se l’emozione forte passasse proprio da un canale non solo mentale , filosofico o culturale ,
ma da qualcosa di più intimo e profondo ,
appunto il ritmo interno ,
è come se avessi riconosciuto la mia “lingua madre” in entrata , nell’ascolto ,
e non in uscita , nell’esternazione.
Una lingua che arriva dritta al centro
e chiarisce subito quello che mi agita e che chiede risposta.
E allora :
“ E scùlta el veent che pìca la pòrta
cun in cràpa una nìgula e in bràsc una sporta
el diis che g'ha deent un el regàal
me sa che l'è el sòlito tempuraal.... “
(E ascolta il vento che picchia alla porta
con in testa una nuvola e in braccio una borsa
dice che ha dentro un bel regalo
mi sa che è il solito temporale....)
(da Pulenta e Galena Fregia)

Sì, la Lega tentò di accaparrarselo (e Davide anni fa suonò a qualche loro festa, ma pure a iniziative della sinistra). Lui si dichiara "anarchico" (e dai testi e dai comportamenti è chiaramente antirazzista, aperto agli altri, antiautoritario, antimilitarista, libertario). Uno fuori dagli schemi.
Se volete assaggiarlo, oltre che dal vivo (dove da il meglio di se), va bene uno qualsiasi dei dischi. (E pure i libri, tra cui due brevi romanzi usciti con Bompiani, non sono niente male)

Io l'ho sentito spesso a Caterpillar e mi sono fatto "tradurre" da un'amica i testi :-) Mi piace molto "Lo sciamano"!

dal vivo Lo Sciamano è spesso preceduto da un intro in una lingua strana e un po' in sardo :-)

pensate che quando nel 2005 suono' a Berlino fecero una trasmissione radio in cui lui era nella sezione "musica del sud"...

Per i tedeschi, il lago di Como è "sud". Ma la Doiclandia è "sud" per i norvegesi.A loro volta "sud" del Polo Nord.

io però non ho ancora digerito le sue recenti apparizioni alla Notte Della Taranta negli ultimi anni.

@mirror: ?

Mirror: come mai t'è rimasto sullo stomaco?

io ero a vederlo a mantova!
fantastico!!

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30