La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Election day (orrido inglesismo, ma ottima idea) | Principale | Porta a Porta: stasera Veltroni »

12/02/2008

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Adesso che siamo rimasti in pochi...Onestamente, tra di noi: se uno si accorda tutto giulivo per tirar fuori 35 milioni di euro di tasse non pagate....quanti cazzo se ne è fottuti ai danni dei cittadini? Se non è "mettere le mani nelle tasche degli italiani" questo!

Nella vicenda Valentino Rossi, lo Stato Italiano ci ha fatto una figura di merda. O i milioni erano 112 o non erano 112. Queste cose si fanno solo al Suk di Marrakech.

Io, comunque, un idraulico che guadagna 1500 euro al mese lo devo ancora conoscere.

Sei passato dal povero e piccolo panettiere all'idraulico e al macellaio.
C'è idraulico e idraulico, c'è macellaio e macellaio.
Ne conosco certi, di idraulici...che un'ispezione della Finanza sarebbe giusta e sacrosanta.

Se lo stato ha fatto una figura di merda quello cha va in moto che figura ha fatto? Ringraziasse che non sta in America altrimenti finiva dritto in galera.

Luciano, quando qualche mio collaboratore mi chiede di essere pagato in nero quando fa gli straordinari perchè pagandoci le tasse ci rimette, io di solito rispondo; coglione, se tu paghi le tasse vuol dire che guadagni di più; non esiste uno stato che ti fa pagare le tasse guadagnando di meno. Di solito fanno marcia indietro.
A me che Valentino Rossi guadagni 100 milioni di euro frega meno di tanto. Se li guadagna e paga le giuste tasse vuol dire che lo Stato incassa di più.

Nella vicenda Rossi lo Stato ci ha fatto una doppia figura di merda.
a) perchè ha sparato delle cifre spropositate che non tenevano conto dei contratti firmati all'estero in zona extra UE
b) non è stato in grado, o non ha voluto, giustificare la riduzione apportata.

A me la cosa puzza molto di montatura politica: avete visto come siamo bravi noi di Prodi a far sbragare gli evasori ?

Teppista: il tuo commento l'ho letto due volte e non l'ho ancora capito. Strano, perchè tu hai vari difetti ma di solito la chiarezza non ti manca.
Adesso provo per la terza volta.
Alla quinta (se ancora non ci sono venuto fuori) rinuncio: cinque riletture le faccio solo per le frasi di Schopenhauer.
FATTO: a grandi linee penso d'aver afferrato. Però (se fossi ancora al liceo) dovrei sentire l'opinione della mia compagna di classe Sandra. Che di filosofia ne masticava abbastanza bene.

E a proposito di idraulici, la metà di loro lo fanno in nero come secondo lavoro. Magari nelle otto ore regolari lavorano all'Enel e mezzi assonnati cascano anche dalle implcature.

Quale commento non capisci ?

Quella cifra l'hanno sparata i giornali considerando al massimo le sanzioni anche perché fa più colpo sull'opinione pubblica. La realtà è che il motociclista ha cercato di fregare lo stato e fin qui è in buona compagnia. La mancanza di decenza e questo è la cosa ancira più grave lo ha portato a mandare una videocassetta indecente. Io solo per quello lo avrei mandato in galera. Se aveva argomenti avrebbe dovuto difendersi nelle sedi competenti. 35 milioni di euro di evasione sono una cifra enorme che in altri paesi, non bolcevichi, gli avrebbero spalancato le porte della galera. Ve lo ricordate il padre della tennista tedesca Steffy Graf?

Teppista: qualsiasi cosa accada in Italia, a destra si dice che è "gistizia a orologeria".
O perchè sta per arrivare Natale, o perchè è passato Natale, o perchè mancano due mesi alle elezioni, o perchè è il compleanno della mamma dell'accusato, o perchè le elezioni sono passate, o perchè è domenica e di domenica non si arresta la gente, o perchè è agosto e d'estate gli avvocati difensori sono in vacanza, o perchè pioveva, o perchè faceva caldo. Sempre "una manotatura".
Però il cocco di mamma Valentino li ha tirati fuori, quegli euri. Perchè l'avrebbe fatto? Per far fare bella figura al governo Prodi? Ah sì, certo: e ci sono pure gli indizi.
1) Emiliano come il professor Prodi,
2) Di cognome fa Rossi.
Tutto torna.

teppista: il commento criptico (o che io non capivo) era quello sul tuo collaboratore e gli straodinari.
Ma poi i comemnti si sono accavallati e la successione cronologia si è sfalsata.

a) la cifra è stata comunicata ufficialmente dalla Agenzia delle Entrate di Pesaro e non è nessuna montatura
b) La Comunità Europea ti dà l'opportunità di pagare le tasse nel paese UE in cui viene prodotto il reddito
c) Rossi, come Pavarotti, sono incappati in una modifica al testo INTRA del 2001 che ha modificato il rapporto Intracomunitario sulla compensazione reciproca dei redditi cosiddetti da "consulenza".
d) L'errore della AdE di Pesaro è stato quello di fare di tutti i contratti un unico fascio.
Faccio un'esempio: se vado a lavorare in Germania oltre i due mesi considerati "temporanea" pago le tasse in Germania e la Germania se la vede con l'Italia per le compensazioni.
Se vado a lavorare in Giordania, non essendoci leggi di reciprocità, pago le tasse in Giordania e lo Stato Italiano non c'entra niente. E' chiaro ?

Forse tu non hai mai avuto collaboratori che ti vengono a chiedere di essere pagati in nero sugli straordinari o le trasferte all'estero. Poi votano Rifondazione Comunista: però fa niente.

E' tardi e non mi va di confutare ogni punto. Ad ogni modo per brevità e cogliere il succo della questione il motociclista ha tentato di far credere che la sua residenza era a Londra con tutto il suo giro d'affari e che in Italia ci veniva una volta ogni tanto, così per salutare amici e parenti. I fatti e le indagini hanno dimostrato esattamente il contrario a cominciare dal lussuoso yacth che aveva ancorato in un porto dell'adriatico e che era nella piena disponibilità del tizio di cui sopra più tutta una serie di altre cosucce che l'agenzia delle entrate teneva d'occhio da diverso tempo. Perché proprio fessi non sono. Del resto se tutto fosse infondato o frutto di interpretazioni bizzarre di norme confuse al tizio sarebbe convenuto fare ricorso. Così non è stato perché aveva la consapevolezza che le interpretazioni dei suoi commercialisti erano campate in aria.

Paolo, allora confermi la mia tesi. Quelli della Agenzia delle Entrate sono dei coglioni. Se la cifra era (come detto da loro) di 112 milioni di euro, quella cifra dovevano far pagare. Evidentemente la situazione così tanto chiara non era per nessuno.

Io non ho collaboratori e comunque tutte le spese (idraulici, dentisti, medici, muratori eccetera eccetera) ce le facciamo fatturare.
Se io fossi stato il Valentino Rossi dipinto da Teppista, e cioè la vittima di una specie di intoppo giudiziario etributario, avrei fatto ricorso e soprattutto avrei (usufruendo della mia notorietà) sbandierato "la mia assoluta innocienza" (con la "i" come diceva Gianmaria Volontè in "INDAGINE SU DI UN CITADINO AL DI SOPRA DI OGNI SOSPETTO").
Comunque adesso vi saluto, la paracodeina che ho preso per la tosse sta facendo effetto e me ne vado a nanna.
Un salutone cordiale e buona notte

Va bene, buona notte. Lasciamo perdere il motociclista e le sue tasse o imposte che sarebeb più preciso. Se no sta a vedere che gli dobbiamo pure chiedere scusa.

PAOLO.
Un po' di chiarezza per favore. Io quando cito gli altri riporto sempre le loro affermazioni col virgolettato, altrimenti si finisce per attribuire agli altri cose non dette. Quale è la mia teoria sul condono, visto che dici :"interessante la teoria di Giuseppe a proposito del condono"? Io non ho teorie mie sul condono e non mi sembra di averne espresse. E sempre in merito al condono PAOLO dice :"Perché non l'applichiamo anche ai rapinatori di banche o agli stupratori o ad altri reati", mentre Luciano gli fa il verso dicendo :"Paolo mi ha tolto la parola di bocca.....potrebbe essere interessante applicare il condono anche ai reati":Paolo e Luciano scusate ma soffrite di amnesia? Avete dimenticato l'INDULTO? Ma perchè l'indulto, concettualmente, non è una forma di condono? Non è uno sconto sulla pena? E' anzi la peggiore e più pericolosa forma di condono che possa esistere, rimette in circolazione anche fior di delinquenti e i fatti l'hanno dimostrato ampiamente; e l'ha fatta il governo di Prodi,Rutelli,Fassino,D'Alema, Bersani, Rosi Bindi, Chiti ed altri oggi epurati come governanti e riciclati nel PD. Anche questa è una mia teoria o è la realtà?

Riguardo alla questione Valentino Rossi, sono daccordo con Teppista che dice:"Se la cifra era (come detto da loro) di 112 milioni di euro, quella cifra dovevano far pagare. Evidentemente la situazione così tanto chiara non era per nessuno." Però una domanda mi viene spontanea:Ci saranno regole precise per far pagare le tasse in Italia? E si, perchè o non sono vere le teorie sulla residenza all'estero, sui contratti chiusi all'estero per una attività svolta all'estero, o se si pretende far pagare le tasse ad uno solo perchè sta troppo spesso in Italia da parenti amici,....il tutto mi sa di str...ata o di ricatto. Ma su questo ammetto di non essere a conoscenza di nessun particolare di merito della vicenda Rossi, né delle leggi precise che regolamentano il settore. IN CONCLUSIONE comunque io credo che IL PROBLEMA DELL'ITALIA in particolare e del mondo in generale è che la ricchezza è mal distribuita. Scopro l'acqua calda, daccordo, ma in Italia, ad esempio,per rilanciare un minimo l'economia, occorrerebbe una urgentissima ridistribuzione della ricchezza (che comunque c'è ed è tanta), e mi riferisco, esattamente al divario tra chi prende 700 o 900 o 1100 euro al mese e chi ne percepisce invece minimo 10mila, 15mila o più al mese per non riferirmi sempre e solo ai politici parlamentari o alle autorità regionali, comunali ecc. che ne prendono molti, molti dippiù. Mi riferisco anche a tutti i dirigenti di enti pubblici e privati, a partecipazione statale e non, ai funzionari di istituti assicurativi, bancari, immobiliari ecc.,agli amministratori delegati e loro collaboratori di tutte le grandi società e industrie, per poi arrivare al mondo della pubblicità, dello spettacolo, dello sport e, ribadendo, a quello della politica. Pensate, basterebbe che chi prende più di 12-13- mila euro al mese di stipendio, rinunciasse, non dico tanto, ma almeno, in proporzione, a mille o duemila euro al mese, e che questi soldi andassero subito,senza passare per "la politica", immediatamente,subito, in busta paga, ridistribuiti a chi prende meno di 1500 euro al mese: al primo non gli cambieresti per nulla il tenore di vita, l'altro si solleberebbe da terra e ricomincerebbe a camminare.
OK,L'HO DETTA GROSSA. DATEMI ADDOSSO PREGO!!

Giuseppe hai la memoria corta. L'indulto l'ha votato anche il tizio che non voglio nemmeno nominare e ha fatto fuoco e fiamme per inserire i cosiddetti reati dei colletti bianchi per salvare i suoi complici. Cerchiamo di non esagerare, per favore.

Giuseppe, per quanto riguarda la “teoria sul condono” mi correggo. Infatti tu non hai espresso teorie sul condono, tu ne hai fatto l’apologia, il che è ancora peggio. E non dimenticare che Tremonti ne ha fatto anche un altro di condono, quello edilizio, dagli effetti ancora più devastanti. E’ già allucinante il fatto che ne discutiamo. Nei paesi civili queste cose non accadono qualunque formazione governi. Gli evasori fiscali e coloro che devastano il territorio finiscono in galera a prescindere dalle loro convinzioni politiche e non vengono ammiccati dal tizio che non voglio nemmeno nominare.

STORIA DI UNO STUPIDO EVASORE:

5 anni fa ero dipendente pubblico all'interno dell'Autorità Portuale di Ravenna e frustrato dai rapporti interni all'ufficio e dall'impossibilità di crescere professionalmente all'interno di tale realtà perchè diplomato e non laureato.
Ero contestualmente attirato dalla carriera commerciale.
Mi licenziai per entrare in un'agenzia pubblicitaria.
Per reggere la "ripartenza" da capo a meno della metà dello stipendio e collaboratore, mi sono ritrovato sotto in banca.
Dopo un'anno che col contratto nuovo non potevo più a 30 anni fare ratei come a 20, cedetti alle lusinghe del CAPO che era già un po' che insisteva perchè aprissi la P.IVA, perchè diceva che così con la dichiarazione redditi, avrei potuto ricominciare a firmare a mio nome senza garanti.
Inutile dire che su 1.400 euro LORDE, pagando tutto, me ne rimanevano meno della metà.
Ho retto un'anno, poi, essendo sotto in banca, mi sono trovato che col primo mal di denti da curare e pagare, ero messo in maniera così ridicola che:
1- O pagavo l'Inps e poi non avevo da fare neanche il pieno di metano per lavorare.
2 - O me ne fottevo e rinviavo a tempi migliori.
Ho scelto la seconda.
Contestualmente dopo due anni, dei quali uno non riuscivo a pagare tasse per non rimanere senza soldo alcuno, mi sono licenziato, ho chiuso la P.IVA e ora lavoro come commerciale senza P.IVA.

Nel frattempo, dato che non sono assolutamente a posto in banca, aspetto gli arretrati da pagare (non so ancora come), ma almeno sono ritornato al regime che quello che ricevo mi rimane in mano.

E se sono un criminale Luciano, chiama il 117, che tanto sai come mi chiamo (Andrea Bagnoli) e in che città abito (Ravenna).

Però ritengo molto più criminali di me:

1 - Chi tiene la gente PER ANNI a lavorare come collaboratore, sapendo che queste persone vengono SPUTATE in faccia sia in banca, che quando vogliono fare un acquisto a rate col proprio nome.

2 - Chi SPACCIA come "lavori autonomi com P.IVA", la dipendenza alla stessa medesima azienda PER ANNI, rendendo così il mondo dei commerciali, che altrimenti sarebbe molto bello, un mondo di SQUALI a tutto tondo.

E sai/sapete oltre alle difficoltà oggettive, qual'è stata la molla finale, che mi ha fatto dimettere da quel posto e chiudere la P.IVA???

Sempilicemente il fatto che durante una "riunione operativa" aziendale, L'amministratore unico della ditta per la quale lavoravo, sentendo le lamentele di chi, scegliendo la P.IVA da poco, si è trovata con uno sputo di LORDO in fattura e il 52% di tasse, ha eslcamato:
- Se poi state a lagnarvi, delle tasse del ruolo agenti, sappiate che IO sono COLLABORATORE!!!

Al che ho pensato:
Ma che razza di pezzo di merda!!!
Ci consigliano di deafult di aprire la P.IVA, così ci roviniamo e loro non devono neanche trattenere e pagare quello sputo di tasse che trattengono e pagano tenendoci come collaboratori.

Altra cosa irritante, che può far diventare qualunquisti al midollo:

Quelle persone sono tutte iscritte ai fu DS, ora PD e organizzatori/appaltatori delle sponsorizzazioni del Festival dell'Unità di Ravenna.

Fra l'altro chi gestisce i muri del complesso che ospita il Festival, cioè il PALA DE ANDRE', tiene orgogliosamente un quadro dove è raffigurato un pagliaccio/clown, firmato "ROMANO MUSSOLINI"...

Questo però non mi fa cambiare idee politiche, perchè comunque gli imprenditori di destra della mia zona, sono ancora più SQUALI coi loro dipendenti.

E quelli di "sinistra", non fanno altro che applicare i loro metodi, per emulata convenienza fiscale...

Maobao

P.S. se volete farmi una colletta pro-tasse-arretrate, ben venga!!!

:-))))

P.P.S. mi sa che ci faccio un post da querela, se non lo è già questo commento...

Per quanto riguarda il condono, mi correggo. Non hai esposto teorie, hai fatto l'apologia del condono il che è anche peggio. Non dimenticare che Tremonti ha fatto anche il condono edilizio ancora più devastante. E' allucinante il solo discuterne. Nei paesi civili gli evasori fiscali e chi distrugge il territorio finisce in galera.

DUE COSE:
1) Giuseppe, l'indulto fu una schifezza. E a suo tempo (se ricordo bene) ne scrissi uno o due post sul vecchio blog (oltre a mandar lettere a giornali e deputati e senatori). Però va detto che quell'assurdità non fu votata al solo centrosinistra ma dalla stragrandissima maggioranza del Parlamento (contrari solo Di Pietro e la Lega). Perciò evitiamo la scorrettezza (probabilmente dovuta a dimenticanza) di attribuire l'indulto al centrosinistra. Perchè così non è.
2) Maobao: a quanto racconti, tu non c'entri nulla con la definizione di "evasori ladri" che davo alcuni commenti fa. Quelli sono coloro che non pagano grandi o grandissime cifre per arricchirsi indebitamente. Tu "appartieni" a tutt'altra categoria: a quelli della "piccole partite IVA" che annaspano nella palude di certe norme capestro, di scadenze spesso assurde, di rigidità esagerate e sproporzionate. Tu non c'entri nulla con i ladri-evasori.

SCUSA PAOLO VUOI LA RISSA? TU TI PERMETTI DI DIRE CHE IO FACCIO APOLOGIA.... DI CHE? RITIRA QUELLO CHE HAI DETTO CHE PER MOLTO MENO IO QUERELO!

Se qualcuno vuole querelare qualcun altro, padronissimo di farlo.
Io intervengo solo per dire: a Paolo (ma anche a me) era sembrato che alcuni commenti facessero le lodi dei condoni. Io e a Paolo siamo convinti che il sistematico utilizzo del condono (non come eccezione, ma come prassi) sia incivile, diseducativo e da parte del Governo costituisca (alla fin fine) una sorta di ammiccamento a non pagare regolarmente le tasse, visto che tanto tra un po' ci sarà un altro condono.

Giuseppe non mi intimidisci. Ti ripeto quello che ho scritto, se non lo hai ancora capito. Nel precedente post hai fatto l'apologia del condono. Buona giornata

Sono andato a rileggermi i commenti.
E (sul condono) la parte più "elogiativa" mi sembra quella scritta da Teppista attorno alle 18.00.
Quando scriveva: "hanno prodotto più gettito i due "condoni tombali di Berlusconi" che 20 mesi di governo Prodi. In più i condoni tombali, pochi maledetti ma subito, hanno portato a tre vantaggi: un approccio più "fideistico" da parte del contribuente, una emersione (la più importante degli ultimi vent'anni) di EVASORI TOTALI e l'incasso di imposte dirette nel medesimo anno di emissione (e per uno che ci capisce un pochino di macrofinanza non è cosa da poco). Il tutto con un costo di emersione pari a euro = 0"
Questo scriveva Teppista.
Di Giuseppe invece non ho trovato nulla sui condoni(ricerca imprecisa la mia oppure scambio di persone tra lui e Teppista)

Giuseppe ha scritto nel post delle 22.02:
"Teppista, i condoni tombali, non sono solo il "pochi, maledetti, ma subito. Essi portano anche introiti maggiori per l'erario, negli anni successivi; perché chi si è autodenunciato col condono, è costretto poi ad adeguare l'imponibile negli anni successivi, mica può tornare ad evadere! Non so se sono stato chiaro".
Dizionario Zingarelli, voce apologia: “esposizioni di ragioni in favore di una persona o di una dottrina, unita alla confutazione delle accuse addotte in contrario”. Se al posto della persona si inserisce il nome “Tremonti” e al posto della dottrina si inserisce la parola “condono” il post è perfettamente aderente alla definizione di cui sopra con buona pace della querela.

Faccio un tentativo di mediazione.
Un cosa è "apologia di reato", altra cosa è "apologia" in genere.
Quando Paolo scrive che Giuseppe (o altri) fanno "apologia" del condono, non dice nulla di penalmente rilevante (visto che il condono non è un reato).
Diverso sarebbe stato, casomai, dire che "XY fa l'apologia dell'evasione fiscale"

Commento di prova: per vedere se sono riuscito a superare il filtro anti-spam.

Paolo ti lanci in folli interpretazioni del pensiero altrui. La frase alla quale ti riferisci non è apologia di condono è la costatazione di un dato di fatto. Spiegare, a chi,da due giorni, fa finta di non capire che Prodi si prende assurdi meriti che non ha, per fasulli tesoretti che avrebbe creato con la lotta all'evasione, mentre la verità è che, anche per gli anni a venire, aumenti del gettito fiscale possono dipendere da pregressi condoni, non è sperare o invogliare o incentivare governi futuri a fare altri condoni, è fare una costatazione fine a se stessa. Come costatare che si può applicare il minimo della multa da pagare a chi passa col rosso al semaforo e che questo porta soldi nelle casse del comune. Non vuol dire incentivare gli automobilisti a passare col rosso. Quello che mi fa incazzare della tua accusa nei miei confronti è che, poichè il presupposto del condono è l'evasione, ne potrebbe derivare, ad essere logici, automaticamente, il contestuale reato di apologia di evasione fiscale. Allora comprendo il tuo equivocare in buona fede, ma ti è sfuggito che nell'altro mio commento del 14/02/08 a 18:40 ho scritto testualmente :"...Luciano, forse non mi sono spiegato bene. La lotta all'evasione fiscale si deve fare, e bene ha fatto il governo Prodi ad assumere una posizione ferma in tal senso,..." Se chiarito l'equivoco, mi dispiace averti dato l'impressione di volerti intimidire, ma puoi capire che sarei stato uno stupido a volerlo fare pensando che, se il mio interlocutore fosse stato un mascalzone, lo sarebbe stato vigliaccamente fino in fondo sapendo di potersi nascondere dietro l'anonimato del web. E non mi avrebbe sorpreso la spavalda tua risposta :non mi intimidisci.
Spero chiuso l'incidente.
Giuseppe.

Paolo ti lanci in folli interpretazioni del pensiero altrui. La frase alla quale ti riferisci non è apologia di condono è la costatazione di un dato di fatto. Spiegare, a chi,da due giorni, fa finta di non capire che Prodi si prende assurdi meriti che non ha, per fasulli tesoretti che avrebbe creato con la lotta all'evasione, mentre la verità è che, anche per gli anni a venire, aumenti del gettito fiscale possono dipendere da pregressi condoni, non è sperare o invogliare o incentivare governi futuri a fare altri condoni, è fare una costatazione fine a se stessa. Come costatare che si può applicare il minimo della multa da pagare a chi passa col rosso al semaforo e che questo porta soldi nelle casse del comune. Non vuol dire incentivare gli automobilisti a passare col rosso. Quello che mi fa incazzare della tua accusa nei miei confronti è che, poichè il presupposto del condono è l'evasione, ne potrebbe derivare, ad essere logici, automaticamente, il contestuale reato di apologia di evasione fiscale. Allora comprendo il tuo equivocare in buona fede, ma ti è sfuggito che nell'altro mio commento del 14/02/08 a 18:40 ho scritto testualmente :"...Luciano, forse non mi sono spiegato bene. La lotta all'evasione fiscale si deve fare, e bene ha fatto il governo Prodi ad assumere una posizione ferma in tal senso,..." Se chiarito l'equivoco, mi dispiace averti dato l'impressione di volerti intimidire, ma puoi capire che sarei stato uno stupido a volerlo fare pensando che, se il mio interlocutore fosse stato un mascalzone, lo sarebbe stato vigliaccamente fino in fondo sapendo di potersi nascondere dietro l'anonimato del web. E non mi avrebbe sorpreso la spavalda tua risposta :non mi intimidisci.
Spero chiuso l'incidente.
Giuseppe.

Luciano, grazie per aver pubblicato al volo la mia risposta a Paolo;devo scappare per lavoro e mi fa piacere di sapere andato a buon fine il mio tentativo di chiarire con Paolo.
Luciano non ho dimenticato come fu votato l'indulto, ma nel dire che fu approvato sotto il governo Prodi, intendevo dire che, se è vero che il governo Prodi non è riuscito a fare tante cose che voleva pur fare, è vero anche che quando non voleva fare qualcosa ci è riuscito benissimo. Grazie ancora. A più tardi.Giuseppe

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30