La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« W la L'Ega Nord | Principale | Fogne cerebrali »

16/11/2010

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

poi se qualcuno mi spiega perche' la patente e' un fatto privato avanza un caffe'

giusto supermambanana!

cmq non sono d'accordo con te, luciano. sia fini che bersani sono entrati in scena molto tesi come degli scolaretti al loro primo esame importante, e solo sul finale si sono sciolti (forse anche per questo la lista di bersani, e penso pure quella di fini, ti è sembrata cosa da poco...).
invece a me quello che ha detto è piaciuto, e se potessi gli direi: BENE, VISTO CHE LO SAI, ALLORA FATELO! CHE @AZZO ASPETTATE?!

gli argomenti di fini invece sono stati incentrati tutti sulla patria e la legalità (che in realtà per la destra contano fino ad un certo punto, come l'attualità ha palesemente dimostrato)... mi ha fatto pure pena il povero fini che nei suoi ultimi discorsi aveva usato argomenti e parole fino a qualche tempo fa proibite, come SOLIDARIETà. e qui non le ha potute usare, perchè presumeva che le avrebbe dette bersani.
fini si sta spostando al centro e presto si "sposerà" con rutelli, che fu suo avversrio come sindaco di roma decenni fa, che anche lui si è spostato al centro; ed a loro si aggiungerà il trasformista casini, da sempre abituato a saltare a destra e sinistra, dove più gli conviene.
che bel trio sono questi tre: il trio monnezza...

Non ho capito in cosa non sei d'accordo con me.
Il mio "bravo sette +" è una citazione di Cochi e Renato.

Vabbè Luciano, sei stato troppo critico col Bersani.
Io mi aspettavo moooolto di peggio ... e invece mi ha sorpreso in positivo.
Alcune immagini erano davvero efficaci.

Anche se il testo del Fini era palesemente inferiore come contenuti e spessore, devo dire che il Gianfranco se l'è giocata con più capacità di public speaking e ha rispettato la struttura elementare di Apertura-Corpo-Chiusura.
E' più professional, non c'è dubbio.

Ricordiamoci che erano ospiti in una trasmisione di trattenimento "impegnato" di impostazione teatrale, non era mica il solito porcilaio di polli in batteria con la scusa del talk show con moderatore.
Dunque il format era nuovo e metteva relativamente a disagio, pur presentando nuove inesplorate possibilità.

Chissà che sfracelli avrebbe fatto il Silvio del 2006...
Sarebbe uscito tra l'ovazione del pubblico e con numerosi pezzi di lingerie che volavano sul palco.

Tocca studiare ancora a fondo le capacità oratorie dei nostri e lavorarci su con umiltà (ma meno male che non c'era fassino...).

Però il testo non era male, era quasi a livello di alcuni nostri post storici...
;-D

ps Fini ha parlato di uguaglianza più di quanto abbia fatto Bersani. C'è questo rigurguto di Komunismo a destra che preoccupa...

Due curati di campagna alla festa patronale: stessa intonazione e stesso approfondimento dei temi (anzi, mi sa che ci sono curati di campagna ben più trascinanti e capaci di analisi). Una sequenza di banalità, ma dette tanto bene. In linea con lo spessore dei personaggi coinvolti.

Luciano, c'è di nuovo la pubblicità della nokia sul tuo blog.

Sono allibita dal "discorso" di Bersani.
Eppure quando Lui frequentò le scuole, forse, la Gelmini Non era neppure ancora nata.
.
Immaginatevi d'ora in poi ...

Il discorso di Fini è di destra istituzionale come la persona che l'ha dignitosamente pronunciato. Quello di Bersani è stato scritto dal salumiere mentre affettava due etti di bologna e pronunciato come se fosse la prima volta che parla in pubblico. Tra l'altro, leggendo troppo, mentre quelle cose dovrebbe averle nella pelle.

Ho letto questo commento sull'edizione on line de Il fatto quotidiano, Ve lo segnalo perché penso che la definizione "brodino" sia molto adeguata al banalissimo fervorino televisivo di Bersani e Fini
http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/17/destrasinistra-un-brodino/77305/

non mi sembra che la severe critica, l'ironia, e la derisione verso le performances di fini e bersani siano azzeccate. e non solo qui, ma sopratutto nei commenti che si leggono ovunque.
hanno fatto la lista della spesa? bene. ma quello era il compito che avevano in una trasmissione che chiedeva loro solo quello.
è non è poi così male, ogni tanto, anzi ogni tantissimo, sentirsi ricordare dei valori che dovrebbero connotare lo schieramento in cui ti poni. ricordiamoci che i valori che normalmente ci vengono raccontati sono:
- negli avversari c'è grande divisione.
- la maggioranza implode
- l'opposizione dice solo no
- il berlusconismo
- i comunisti
caso mai, come dice giordano di sopra, visto che lo sapete, perchè non...?

È vero marcob, purtroppo viviamo in un tempo in cui anche il brodino è qualcosa di caldo da mandare giù, ma sono convinto che soprattutto in questi casi, soprattutto in politica, la forma è sostanza e la forma di Bersani era da salumiere, con tutto il rispetto per i salumieri che fanno un nobile lavoro che apprezzo moltissimo.

Diciamolo con sincerità, a molti non piacciono i due personaggi che hanno letto le liste, o elenchi (come vi pare), perché in quei due non riconosciamo i valori che possono in qualche modo accompagnarci nella vita quotidiana e nelle cabine elettorali.
Ha ragione Marco quando dice che l'ironia può venir facile, ma alla fine a me viene da pensare che quei valori elencati dai due politici sono parole che suonano stonate in bocca ad entrambi e me ne frego di chi è stato più elegante o più impacciato, chi è apparso come uno scolaretto e chi invece sembrava fiero di se'.
Onestamente io ho visto due figuri ridicoli, due pesci fuor d'acqua.

Luciano, la publicità appare ancora sul tuo blog. Anzi, stavolta sono due che si alternano, nokia e lanciatrendvision.com.

non sono così sicuro che quello di bersani sia un brodino. concordo però che la forma col saluniere c'azzecchi. anche l'aspetto d'altra parte.
non è un brodino perchè le cose che ha detto non sono da buttare. anzi, anche scegliendone una si e una no, ci sarebbe una sinistra non male.
ma anche l'altro, quando mi parla di legalità come valore fondamentale, o di identità nazionale, elenca valori storici della destra che in italia abbiamo visto molto ma molto poco, ma dei quali, anche dall'altra parte sentiamo la mancanza, quanto meno per sapere con chi dobbiamo confrontarci.
sarei d'accordo con alessandra se si fosse trattato di comizi elettorali, nei quali da entrambi, avrei preteso un finale pressapoco così:
scusate se fino ad oggi queste cose me le ero dimenticate, ma datemi una seconda occasione.

Marco concordo con te, ma vorrei solo precisare, poiché prima non l'ho detto, che non mi aspettavo alcun comizio e che la trasmissione di Fazio e Saviano non lo richiedeva affatto.
A me è sembrata una storpiatura l'invito a Fini e Bersani. Avrei preferito sentire la lettura di un elenco di "valori etichettati" fatta da due operai, due agricoltori, due casalinghe, due studenti, due impiegati, insomma gente comune che con quei valori vorrebbe conviverci e portarli avanti e che magari lo fa pure, ma senza nemmeno pensarci su troppo. Sarebbe stata una bella occasione per dare la possibilità a tutti di riflettere senza necessariamente identificarsi in qualcuno che faccia il portabandiera di valori che in fondo ha tradito.

Diciamo che il brodino consiste nel fatto che sono cose da tempo immemore mai più dette, anche se le avevamo in testa, sia a destra, sia a sinistra. Averle risentite improvvisamente tutte assieme ha fatto colpo, ma mi aspettavo di più, soprattutto a sinistra, visto che non voto e non voterò Fini.

Marco concordo con te, ma vorrei solo precisare, poiché prima non l'ho detto, che non mi aspettavo alcun comizio e che la trasmissione di Fazio e Saviano non lo richiedeva affatto.
A me è sembrata una storpiatura l'invito a Fini e Bersani. Avrei preferito sentire la lettura di un elenco di "valori etichettati" fatta da due operai, due agricoltori, due casalinghe, due studenti, due impiegati, insomma gente comune che con quei valori vorrebbe conviverci e portarli avanti e che magari lo fa pure, ma senza nemmeno pensarci su troppo. Sarebbe stata una bella occasione per dare la possibilità a tutti di riflettere senza necessariamente identificarsi in qualcuno che faccia il portabandiera di valori che in fondo ha tradito.

ale,
anche se, involontariamente hai mandato due volte il commento, hai fatto centro.
merda, ma perchè non ci ho pensato che doveva essere così come dici tu?
e perchè non ci hanno pensato anche saviano e fazio?
brava

Marco, grazie. La mia era una semplice riflessione, probabilmente già espressa anche da qualche critico più autorevole di me, ma non saprei.
E'vero, ho postato due volte lo stesso commento; colpa della linea che oggi mi sta facendo brutti scherzi, va e viene.
Se Fazio e Saviano avessero pensato a non invitare Fini e Bersani, ci saremmo anche risparmiati le cazzate di grande direttore Rai Masi e del povero ingenuo ministro Maroni che non sa nulla della 'ndrangheta in Lombardia. A proposito, qualcuno gli dica che halloween è passato da un po' e se ha proprio tanta voglia di mascherarsi da Sandokan lo faccia pure, poi però vada a farsi un giretto tra la Campania, la Calabria e Sicilia, oppure vada a Scampia travestito così. Sono sicura che i parenti delle vittime di mafia applaudiranno al suo passaggio.

Io non so se Fazio e Saviano ci avessero pensato o no, ma mi pare che il programma segua una certa logica. Così come nella prima puntata era stato un autorevole rappresentante degli omosessuali (un politico di primo piano come Vendola) a leggere la lista degli insulti che si rivolgono comunemente ai gay, è nella stessa logica che sono state lette le liste degli ideali di destra e sinistra da autorevoli rappresentanti politici dei due schieramenti. Liste come “compitini”, letti (volutamente letti da una lista precompilata, volutamente non dei discorsi a braccio, non dei comizi) da autorevoli politici con l’emozione di scolaretti alla prima interrogazione (anche Vendola era partito visibilmente emozionato, poi si era sciolto strada facendo) in quanto messi dalla trasmissione in un ruolo non loro: quello di “lettori” di un compitino scolastico. Credo che quello fosse esattamente l’intento di chi ha ideato la trasmissione. Può essere piaciuto o non piaciuto, ma non ritengo ci si dovesse aspettare né di più né di meno.

Se tu, segretario del maggior (numericamente) partito della sinistra italiana, hai a disposizione tre minuti per parlare a otto milioni di persone,
sarai capace di tirar fuori una frase, un'immagine o una metafora incisive e che si ricordino per anni (o almeno per mesi)?
E se non ne sei capace avrai l'intelligenza e l'umiltà di farti aiutare da qualcuno a scovarle?

Il discorso di Bersani è tremendamente noioso, scoordinato, privo di qualsivoglia vero valore. Ma dal segretario del PD non mi aspettavo qualcosa di meglio, sinceramente.

ale, forse si sarebbe stato piu' giusto avere due persone comuni (per cosi dire) che leggessero i valori di destra e sinistra, ma in tal caso pensi che staremo qui a parlarne? Era importante che a leggerli fosse qualcuno con cui confrontarsi, con cui dire, si e' vero o no ha sbagliato tutto, se l'avessero lette filomena e peppino pur condividendole (o no) avremmo detto vabbe' e tirato avanti.

Supermambanana, non so. Più ci rifletto più penso che sarebbe stato giusto avere persone comuni a leggere gli elenchi e sai perché? Perchè è a loro, a noi, che i politici si rivolgono quando vengono a chiederci il voto, dimenticando che i nostri voti li autorizzano a rappresentarci, non a mettersi solo i soldi in tasca (e quello sarebbe il minimo, con questa sottospecie di classe politica che ci ritroviamo).
Confrontarsi? E con chi? Quando e come avremo la possibilità che Fini o Bersani possano ascoltare le critiche dei cittadini? E comunque quella trasmissione non è una tribuna politica, se siamo qui a parlarne è perché, come ho già detto, Fini e Bersani non ci sono piaciuti in quel ruolo di lettori di valori che loro stessi hanno tradito.

Bell'idea, avere due persone "comuni".

Ma scusate, visto che noi siamo persone comuni e ci sentiamo un pò più brillanti di Bersani e Fini, perchè non ci cimentiamo qui ed ora nel compitino?

Tanto non è che esista una versione aurea e immutabile di questo compito. Penso anzi che il training permanente ci aiuti a migliorare la nostra consapevolezza di ciò in cui crediamo e lo attualizzi volta per volta.

Ciascuno per la parte che sente più vicina provi a scrivere un elenco migliore su questa finestra di post.
Magari proviamo a stare nelle stesse 500 parole del compitino di bersani.

Adesso ci faccio un post.
Grazie

Verifica il tuo commento

Anteprima del tuo commento

Questa è solo un'anteprima. Il tuo commento non è stato ancora pubblicato.

In elaborazione...
Il tuo commento non può essere pubblicato. Errore di scrittura:
Il tuo commento è stato pubblicato. Pubblica un altro commento

I numeri e le lettere che hai inserito non corrispondono a quelle dell'immagine. Prova di nuovo.

Come ultima cosa, prima di pubblicare il tuo commento, inserisci le lettere ed i numeri che vedi nell'immagine qui sotto. Questo impedisce che programmi automatici possano pubblicare dei commenti.

Fai fatica a leggere quest'immagine? Visualizzane un'altra.

In elaborazione...

Scrivi un commento

Le tue informazioni

(Il nome e l'indirizzo email sono richiesti. L'indirizzo email non verrá visualizzato con il commento.)

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30