La mia foto

Contatore Shynistat

  • Contatore

I miei vecchi post del blog Kataweb

Altri vecchi post del blog Kataweb

Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2007

Lettura quotidiana della Bibbia

  • • Da "Giacomo, 1,22": "mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi"
  • Lettura quotidiana della Bibbia

« Chi ha detto la cazzatona dell'anno? | Principale | Leggere fa male? Libri e scuola »

08/11/2010

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Bellissime parole, spesso difficili da mettere in pratica.

Lo so. Però ci si prova.
E quando funziona...se è bello!!!!

Grande Benigni... Spero sia il segno d'una rinascita... Rinascita attraverso l'arte, la bellezza...

E Vendola che (alla stupidissima alternativa belusconiana "meglio guardare le belle ragazze che essere gay") dice "meglio essere felici"?

Il problema Luciano, è che ognuno tende a decidere in anticipo da chi farsi contaminare e da chi no.

Perché un problema? Non si può prendere tutto da tutti

Eeka, non è un "problema". Quello che sto dicendo è che a tutti noi piace dire, ah, che bello culture e idee diverse, nuovi punti di vista, ma poi nella pratica siamo prevenuti e tendiamo a decidere in anticipo da chi e cosa farci volentieri contaminare, perché in fondo siamo già in sintonia con l'agente contaminante, e da cosa invece tenersi a debita distanza. Per cui una giornata con i pastori armeni suona fica, capire meglio il punto di vista di un ricco petroliere texano interessa meno. O viceversa.

Frase completa: "Eeka, non è un "problema" in sé."

@Luciano: l'uscita di Berlusconi è odiosa, detestabile, antipatica, vomitevole, incondivisibile e scorretta ma stupida proprio no.

Offender: l'uscita di Berlusconi (oltre che "odiosa, detestabile, antipatica, vomitevole, incondivisibile e scorretta" come dici tu) è pure stupida. Forse furbastra per solleticare la parte peggiore dell'elettorato, ma comunque stupida.
Perchè è come dire:
"meglio mangiare le tagliatelle che gli spinaci".
Che senso ha?
Uno può dire: a me piacciono moltissimo le tagliatelle (oppure gli spinaci) e non non mangio mai gli spinaci (o le tagliatelle) che hanno un sapore che personalmente trovo assurdo, comunque mangiate ciò che vi pare, basta che non costringiate nessuno/a a mangiare spinaci (o tagliatelle) e neanche tagliatelle agli spinaci.

Perchè non sarebbe stupida? Vorrei capire in che cosa consisterebbe l'intelligenza di quella frase perché io non riesco proprio a vederla, a meno che non si consideri intelligente una frase che va a colpire il pregiudizio radicato e i sentimenti "di pancia" di molti. Ma, in quel caso, io la definirei frase "furbesca" o "opportunistica"

La frase di Berlusconi è assolutamente condivisibile.
Ha espresso un suo pare: si può essere d'accordo, si può dissentire ma non si può condannare.
"Non condivido le tue idee, ma mi batterò fino alla morte affinché tu possa esprimerle"
La celebre frase di Voltaire è nota anche ai più asini fra gli studenti e non può essere ignota a gente come voi che si definisce intellettuale. E anche se non la conosceste (è possibile), non potete ignorare che il diritto di manifestare le proprie idee - anche sbagliate, quando non sono criminali - è alla base dei principi di libertà, democrazia, civiltà.
Esattamente così ci si comporta da comunisti.

P.S.: Chiedo a ognuno di voi che ha, o spera di avere, dei figli, quanto si sia augurato che il nascituro fosse omosessuale.

Quindi se uno esprime il parere che si devono bruciare, che so, i preti, o i poliziotti, posso non condividere ma non condannare? Strana teoria, fa acqua da tutte le parti.

Prima che ti lanci in commenti sarcastici ti ricordo che il concetto di "idea criminale" può essere molto relativo. Metti che uno riconosce solo la sharia... per lui il criminale sei tu

Comunque Voltaire quella frase non la disse mai, ma è frutto dell'interpretazione di una sua biografa

Teppista: dar la vita affinchè gli altri possano esprimere la propria opinione sì, certo. Con alcuni corollari:
1) non significa star zitti,
2) esiste l'istigazione a delinquere ed esistono altri reati di parola (calunnia, omofobia, razzismo eccetera),
3) dar la vita affinchè la Santanchè possa aprir bocca è dura.
ALTRA QUESTIONE:
quando la mia prima moglie era incinta, di tutti gli auguri che facevamo al nascituro (che poi fu unA nasciturA) l'ultimo a cui pensavamo era "Dio fa che sia eterosessuale (od omosessuale)".
Se adesso io e Tatjana aspettassimo un figlio (o figlia), chiederemmo:
fa' che non sia malato, razzista, ignorante, diffidente, interessato ai soldi, schiavo della pubblicità, maschilista, prepotente, bigotto, privo di curiosità, rimuginatore, fallito nei rapporti sentimentali (etero o gay o lesbica non importa: basta che sia sereno/a).

Eeka, mi sono espresso male io. Quello che intendevo è che c'è un calcolo dietro quella frase. E' possibile, anzi probabile che lui la pensi così, ma l'ha detto perché sa che la maggior parte degli italiani, purtroppo, la pensa come lui. Ben vengano quindi le definizioni "furbesca" e "opportunistica". Diciamo che spesso B. viene raffigurato come un vecchio ignorante sclerotico che straparla e delira a caso, mentre invece tutto ciò che dice è calcolato non solo da lui ma dai suoi consulenti di comunicazione. E questo non è meno preoccupante, anzi lo è di più.

Gcanc, che il pensiero di Voltaire sia frutto o meno di una interpretazione di terzi è una di quelle tante favole metropolitane che circolano sull'origine degli aforismi: comunque nulla cambia.
Comida, come al solito manipoli le frasi.
Esprimere una preferenza non implica assolutamente nulla: né un obbligo di condivisione, tantomeno un dovere morale. Come tu sei libero di esprimere il tuo dissenso, Berlusconi (sia l'uomo, sia lo statista) DEVE essere libero di esprimere le proprie preferenze. E queste preferenze non implicano né l'istigazione e delinquere (probabilmente non conosci il significato del termine delinquere) né la calunnia (anche in questo caso rileggiti il vocabolario), né l'omofobia, nè il razzismo e tantomeno tutto il resto che tu lasci intendere come reato.
Questa storia vale tanto quanto quella di Pompei: casca la Casa dei Gladiatori, Governo ladro.
E quando nel marzo del 1989 cadde la torre di Pavia, in pieno Governo DC, nessuno mosse un dito o scrisse una riga su un qualsiasi fogliaccio quotidiano anche se la perdita culturale e il rischio per le persone furono molto ma molto più gravi.
Se qualcuno mi chiedesse se preferisco le donne o se preferirei essere gay non avrei dubbi: meglio le donne che essere gay.
E di amici omosessuali ne ho tanti: ciò non significa preferirli ad altri.
La vostra lotta politica si è ridotta, purtroppo, a farvi i cazzi dell'avversario anche nelle scelte tra Camembert e Gorgonzola: siete proprio caduti in basso.

non mi pare che b. abbia offerto la sua vita per permettere a santoro, a biagi, a luttazzi di esprimere le proprie idee.
forse non la darebbe nemmeno per minzolini, appena non gli sevisse più.
ma questo lo penso io.
è vero, offender, berlusconi à scaltro anche quando dice certe cose, ma lasciami pensare che a volte l'indurimento delle arterie gli causi qualche problema, che i suoi consulenti fanno un po' fatica a parare.
e non solo quando parla.

Teppista, prova a ragionare.
La preferenza tra l'andare a letto con un maschio o con una femmina non è un fatto assoluto: è data solo dal proprio orientamento sessuale. E' ovvio che se la domanda la rivolgi a me (che sono etero maschio) ti risponderò: "solo le donne" così come la stessa risposta te la darà una donna lesbica, ma è altrettanto ovvio che se la domanda la rivolgi a un gay ti dirà "io a letto ci vado solo con i maschi", così come la stessa risposta te la darà una donna etero.
La stupidità (oltre che beceraggine) della risposta di Berlusconi stava nel voler rendere assoluta una sua preferenza personale.
Mi sono spiegato?

Ad esempio, secondo me è molto meglio non cagare Teppista che rispondergli.

E c'è da aggiungere che la frase di B. non è la risposta ad un sondaggio, ma un tentativo di giustificare la frequentazione di lolite e mignottame vario come se piovesse.
L'omosessualità c'entrava come i cavoli a merenda, a meno che non si volesse alludere ad altri casi recenti, veri o falsi (Marrazzo, Boffo...), o a possibili competitori alle prossime elezioni (Vendola?). Tanto per gettare fango quà e là (come dice Saviano) e nel fango coprire le proprie vergogne o sminuirle di fronte a quelle (alluse) di altri. La solita tecnica infame.

E ancora, riguardo ai crolli di Pompei: che ci fossero pericoli di crolli (non solo alla casa dei gladiatori) era noto, e documentato. Nota anche una dichiarazione di Bondi: "Non chiedo l'elemosina a Tremonti". Non saper investire nella cultura, nella scuola, nel turismo (assi portanti del nostro presente e futuro) è cosa miope e assolutamente colpevole.
In questo clima di totale menefreghismo nei confronti della cultura (tagli finanziari al limite dell'indecenza) se il governo non è ladro è come minimo stolto e incapace. O forse entrambe le cose.

Hai ragione, carloesse. Come si nasconde uno stronzo? In mezzo alla merda.
Su questo tema (ovviamente depurato dell'aspetto scatologico), c'è un bellissimo racconto (amato da Borges) di Gilbert Keith Chesterton. Fa parte della serie di padre Brown e si intitola "All'insegna della spada spezzata".

Meglio frocio che mafioso.

Meglio frocio che pedofilo.

Meglio frocio che corrotto.

Meglio frocio che corruttore.

Meglio frocio che P2ista e P3ista.

Meglio frocio che puttaniere.

Meglio frocio che satanista.

Meglio frocio che bugiardo.

Meglio frocio che vigliacco.

Meglio frocio che sanguisuga.

Meglio frocio che avere le mani lorde del sangue degli altri.

Meglio frocio che impenitente.

Meglio frocio che ipocrita.

Meglio frocio che macho (il machismo non esiste! Il machismo è solo una maschera con la quale si cerca di camuffare la propria insicurezza e la propria ignoranza. Il macho è un attore che recita un ruolo agli altri, e spesso anche a sé stesso).

Meglio frocio che puttana che succhia il cazzo ad un vecchio per avere un favore illecito, scavalcare una graduatoria, sfangarla per sistemarsi, fregandosene degli altri.

Meglio frocio che non possedere una coscienza (cioè vendersi l’anima al diavolo).

Meglio frocio che fascista.

Meglio frocio che berluscopi.

ps: vi ho contagiato?

Ma sopratutto meglio lesbica che andare con vecchi nani puttanieri con la pelata asfaltata.

In se e per se, i gay e le lesbiche non fanno male a nessuno (a meno che non siano stronzi nella propria vita...ma quello è un altro discorso): le eprsone appertenenti alle altre categorie invece sì.

Bene, sono fiero di appartenere alla maggioranza degli esseri umani e considerare l'omosessualità una anomalia della natura in quanto stato non riproducibile.
In natura, solo i sassi non si riproducono.
Che abbiano diritto di vivere anche loro è un fatto; che siano meglio degli altri ne dubito. Quelli che fanno i Gay Pride, oltre che omosessuali, al 95% sono anche stronzi.
Pensatela come volete: sono fiero di pensarla esattamente al vostro contrario.

Teppista, pensala come vuoi e sii fiero di ciò che ti pare: ognuno si merita la fierezza che vuole.


Appunto.
C'è chi è fiero di essere frocio e c'è chi è fiero di essere normale.
Meglio essere normali. Molto meglio.

Se lo dici tu..

Da vicino nessuno è normale: la normalità dei comportamenti è un fatto statistico.
Il problema vero e drammatico è che alcuni etero sono ossessionati e terrorizzati dai gay.

L'omosessualità non è un'anomalia della natura, è una variabile della natura, anzi talvolta è proprio il meccanismo che interviene per evitare una dannosa sovrappopolazione.
Ti consiglio di leggerti "L'omosessualità negli animali", di Giorgio Celli

Non lo leggerà mai: Celli è comunista!

Ma un gay che andasse con un vecchio puttaniere come lo classifichiamo?

masochista.

Corona.

Ah no...quello era l'incontrario.

Non avete più parole per fare demagogia e per blaterare in "politically correct".
Solo gli imbecilli non riconoscono i sistemi automatici che Madre Natura mette in moto per proteggere le Speci.
Caro il mio Marino: si vede che quando leggi i libri abbandoni il cervello sul comodino. Proprio Luc Montagnier (che probabilmente neanche sai chi è) in un libro di Lapierre dimostra la correlazione tra la comparsa dell'HIV e dell'AIDS con l'incremento dei rapporti omosessuali.
E dimostra in maniera incontrovertibile che la comparsa dell'HIV è il risultato di una forzatura che la Natura cerca di contenere.
Altro che omosessualità negli animali; rapporti di questo tipo nel mondo animale servono solamente, in particolari casi, alla distribuzione delle risorse quando esse scarseggiano: una specie di placebo per l'istinto riproduttivo.
Vi resta solo la demagogia di facciata, la strenue difesa dell'indifendibile da quando vi sono crollate addosso tutte le ideologie sociali. Penosi.

Teppista, te lo ripeto: alcuni etero come te sono fissati e terrorizzati (per motivi che mi sfuggono) dagli omosessuali.

Ormai la degenerazione di teppista sembra davvero irreversibile. Come riesca a dire tante scemenze antiscientifiche in poche parole solo lui può saperlo.
"E dimostra in maniera incontrovertibile che la comparsa dell'HIV è il risultato di una forzatura che la Natura cerca di contenere".
Ma perché ci devi infliggere queste inarrivabili stupidaggini?
Perché calpesti e vilipendi la ragione?

Che soddisfazione stanare quel coglione di Antinick! E che soddisfazione mettere in evidenza quanto è imbecille.
Comida, stai farneticando. E perchè mai uno dovrebbe aver paura degli omosessuali?
Io ho tanta pena di quelli che sono consci della loro diversità e ne soffrono ma ho schifo di quelli che la loro diversità la sfruttano per farsi i cazzi propri.
Mi fanno ancor più pena quelli che queste differenze non le vogliono capire per pura demagogia.

Teppista, "specie" è invariabile: al plurale non cambia. Ciao

Mah ragazzi, io non vi capisco, ve lo posso dire?

Caro teppista, curati. Tu non riesci a mettere in evidenza proprio nulla, a parte le tue frustrazioni di persona depressa anche in modo piuttosto serio. Solo uno psicoterapeuta (forse) può dialogare con te. Esponi solo livore e aggressività oltre che una forma di narcisismo infantile.

Ecco antiteppista, il tuo commento coglie nel segno. Ma allora, di grazia, perché gli rispondete?

Perché siamo umani e comprendiamo i malati.

In effetti, carooffender, al di là delle battute, tu poni una domanda seria. Perché rispondere a un provocatore in chiara depressione/narcisistica? Il fatto è che il nostro utilizza questo blog abbastanza frequentato a differenza del suo per esternare commenti che a volte potrebbero apparire, a un'alisi superficiale e al netto degli insulti, motivati da affermazioni fondate. In realtà, basta semplicemente essere un pochino addentro la materia trattata che, di volta in volta, può essere l'economia, la fiscalità, la giurisprudenza per accorgersi delle pericolose e farneticanti stupidaggini che scrive il caro amico. Non sempre, però, le persone che leggono questi deliri si prendono la briga o hanno il tempo di verificare nel merito le tesi, si fa per dire, sostenute con una sicumera degna di miglior causa.

Quoto Offender. Ignorate certi commenti.

E' stato detto 100.000 volte, Alessandra: nun je a a fanno :-)

" Il fatto è che il nostro utilizza questo blog abbastanza frequentato a differenza del suo per esternare commenti che a volte potrebbero apparire, a un'alisi superficiale e al netto degli insulti, motivati da affermazioni fondate"

Se avessi i soldi stamperei a tutti un opuscolo sui troll

MANDEREI a tutti

Grazie: lo so che tu sei (a tuo modo) un illuminista.
(Ed è un complimento)

"Che soddisfazione stanare quel coglione di Antinick! E che soddisfazione mettere in evidenza quanto è imbecille."
Dopo che aveva scritto domenica scorsa:
"Antinick, ma non ti sei ancora stufato di farti dare dell'imbecille, dell'inetto, del deficiente, dell'ignorante, del troglodita, del Komunista, dell'impiegato statale parassita, del verme sociale, del trinariciuto, del paraculo, del fattiicazzituoicheèmeglio ?
Guarda che io non mi stufo tanto facilmente e pur di fare il culo a uno di sinistra come te, mi prenderei anche una settimana di ferie.
P.S.: Mi mancava di darti del pensionato."
Caro teppista, e tu saresti uno"normale"? quando ti renderai conto che più t'incazzi e più "stani" solo te stesso?

Offender, lo so, l'ho detto molte volte anch'io. ;-)

Antinick o Irnerio o roi_rien o tartarin di tarascona che dir si voglia, per citar solo alcun dei nickname che usi, solo per statistica:
quando riesco a tirarti fuori con qualche affermazione punzecchiante incominci a sparar cazzate a più non posso; riesci a scrivere circa 30 volte le parole che scrivo io o chiunque altro.
Solo offender (che tra l'altro impersona l'antitesi della coerenza) riesce a trattenersi per qualche commento in più.
Siete solo dei coglionazzi demagoghi che si possono prendere per il culo con la stessa facilità con cui si fa ingolosire un ragazzino con un vasetto di Nutella: in 10 secondi.

Comida leggi questa iscrizione posta all'ingresso del Palais de Chaillot al Trocadero di Parigi:
"Giovane, prendi e leggi. Se potrai arrivare sino alla fine di quest'opera sarai capace di capirne una migliore. Io mi sono proposto più che d'istruirti di esercitarti e perciò m'importa poco che tu adotti le mie idee o che le rifiuti purché esse abbiano ricevuto tutta la tua attenzione. Uno più esperto di me t'insegnerà a conoscere le forze della natura; a me basterà di averti fatto mettere alla prova le tue"

Capirai perchè il mio pensiero NON SEMBRA ma E' prettamente illuminista.

Illuminista?
...MA TU SEI COMPLETAMENTE PAZZO! Gli illuministi veri ti avrebbero decollato subito! Stai attento.

Però la citazione mi è piaciuta e per una volta hai scritto qualcosa che ha a che fare con il tema del post.

Ma lascia stare Antiteppista, uno dei pochi eroi classici rimasti sul web.

El_Nino, che tu sia un ignorante non serve ripeterlo. Lo si capisce da come scrivi: sotto dettatura di quei quattro libri da strapazzo, farciti di Marx, Engels e Marcuse, che ti sei letto nei corsi serali di liceo che, forse, hai seguito. Mi pare che sia il Ginnasio in 150 ore e il liceo in 200. Poi tutti maturi: come le pere marce sugli alberi in autunno.

Effettivamente, parlare di ignoranza al tuo cospetto è come parlare di Haute couture al cospetto del Postal Market, mi rendo conto e rispettosamente mi ritiro dall'agòne.

Nella tua foga iconoclasta è curioso notare che un pò ci dai dei "secchioni intellettualoidi", un pò degli ignoranti e sempre con la medesima rabbia ferina...
bah, contento tu.

Intanto non ti sei accorto che ti facevo un complimento, in merito al senso di ciò che avevi riportato. Ma forse nel copia-incolla hai trascurato di comprendere il senso di ciò che hai scritto.

Nel blog "talkischeap" ho trovato la seguente irresistibile citazione:

"Ho imparato tanto tempo fa a non fare la lotta con i maiali. Ti sporchi tutto e, soprattutto, ai maiali piace."

(George Bernard Shaw)

La posto qui, per comodità, ma ovviamente si adatta a moltissime situazioni.

Possiamo aggiungere anche A. Einstein. Lo scienziato diceva che la differenza tra un genio e un cretino consiste nel fatto che il genio ha dei limiti.

Caro Predonzan,
sei così stupido da non capire nemmeno l'ironia della frase che riporti da babbeo.
Se lottavi con i maiali significa che vivevi con loro e nel loro ambiente.
Se affermi che ci si sporca, significa che lo hai provato.
Se affermi che ai maiali piace, significa che li comprendi e con loro ci sai dialogare.
Io, purtroppo, con i maiali non ci discuto, non li capisco proprio: al massimo, me li posso mangiare in un sol boccone.
Vedi, Predonzan, gli aforismi, le frasi fatte, prima di usarle bisogna capirle: altrimenti ci si fa la figura del pollo.

El_Nino, non sono così stupido: ma i complimenti falli con un altro preambolo.
.. MA TU SEI COMPLETAMENTE PAZZO non mi piace.

Eh si, il Maestro Tic è sempre un grande. Bravo Dario.
;-)

Solo per la precisione. Il post delle 11:09 firmato antiteppista è un falso nel senso che è stato scritto da una persona diversa da antiteppista. Poi che quel grullo di teppista abbocchi è ci commenti sopra ha del grottesco. Io alle 11:09 del mattino difficilmente sto su internet.

Alessandra sei di una imbecillità frastornante.
Ti prude così tanto la tastiera che non sei nemmeno capace di eclissarti quanto basta per disintossicarti da questa droga.
Vedi una mia frase e viene colta da una crisi di astinenza; leggi e rileggi il commento, ti cresce l'adrenalina, sei nel dubbio: scrivere, non scrivere rispondere, sfottere.
Non ce la fai proprio più: fumo l'ultima sigaretta e poi smetto.
E allora scrivi, scrivi cazzate; cazzate su cazzate ma ti sei sfogata; una frase liberatoria ! Che soddisfazione ! Anche stavolta l'ho mandato affanculo; ma con l'eleganza che distingue noi intellettuali di sinistra. Noi si che sappiamo mandare affanculo con eleganza. Noi si che siamo bravi.
Ma vaffa...

Rinnovo l'appello a Luciano: gli insulti non dovrebbero avere spazio su questo blog. Non perché feriscano chi ne è destinatario (vista la provenienza...), ma perché stufano, e squalificano il blog medesimo. Insomma: fanno passare la voglia di frequentarlo.

Dario, l'obiettivo ultimo dei troll è proprio...ma che ve lo dico a fare? Smettete semplicemente di rispondergli e stop. Che senso ha lasciarsi coinvolgere nel suo gioco e poi lanciare appelli perché vengano rimossi i suoi commenti? Mah...

Il troll interviene comunque (anche se non gli rispondiamo), magari solo per prendersela con Luciano medesimo. Volevo solo avvisarlo che, continuando a non intervenire, il blog perde di interesse.

"Il troll interviene comunque (anche se non gli rispondiamo)"

Falso. Interviene perché sa che alla fine qualcuno gli risponde.

concordo con offender. l'obiettivo del troll è proprio quello di far cessare la discussione sull'argomento del post e portarla da un'altra parte.
c'è anche un modo più garbato di farlo, dicendo semplicemente "c'è ben altro" ma la sostanza è la stessa.
non è obbligatorio starne fuori, ma buttandocisi dentro bisogna accettarne i pro (?) e i contro.
credo che sia per questo che luciano non cancelli mai niente.

E con questo saggio intervento di marco b, dichiaro chiusa la discussione su questo post.
Chiunque può (comunque) attingere all'ampio e variegato dizionarietto (a tratti assai innovativo) di insulti e insultazioni.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Motore di ricerca del Ringhio di Idefix

  • Si clicca su "Motore di ricerca", si apre un link, si clicca su "Ricerca personalizzata" e si usa come il normale Google. Solo che la ricerca è interna al blog

giugno 2015

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30